Botta e risposta tra Briatore e Autostrade Italiane: ecco il motivo

Rimasto bloccato sull’autostrada ligure, Briatore ha pubblicato un video di protesta a cui ha fatto presto seguito una risposta dall’ente che gestisce la rete.

Tornato in F1 nelle vesti di salvatore del paddock club e del glamour disperso nel passaggio di consegne da Ecclestone a Liberty Media, Flavio Briatore non manca mai di lanciare le sue pillole di populismo attraverso le piattaforme sociali.

Flavio Briatore (Flavio Briatore Instagram)
Flavio Briatore (Flavio Briatore Instagram)

Dopo aver attaccato pubblicamente il Governo Draghi, reo di essere lontano dalle vere esigenze degli italiani, questa settimana l’imprenditore di Verzuolo se l’è presa con l’ente gestore delle autostrade del Bel Paese.

In un breve video pubblicato sulla sua pagina Instagram, il manager non ha taciuto il proprio disappunto per essere rimasto bloccato a lungo nei pressi di Savona dopo essere partito da Montecarlo direzione Milano.

È uno scandalo. Sono due anni e mezzo che va avanti questa situazione”, il suo sfogo in diretta dalla A10 Genova – Ventimiglia. “Mi chiedo perché l’amministratore delegato  Roberto Tomasi non si prenda una bella macchina con autista insieme all’ex banchiere, oggi Presidente di Autostrade Giuliano Mari, e vengano a farsi un bel giro? In questo modo capirebbero cosa cavolo stanno amministrando”.

“Questa situazione è gestita da gente incapace”, ha proseguito nell’attacco. “Non puoi tenere le persone in fila sei ore e fare pagare anche il biglietto. E’ uno scandalo. Vengano pure, la benzina gliela paga io”, ha concluso pungente.

Autostrade replica a tono a Briatore

In un’epoca in cui il web fa correre le informazioni e le notizie velocemente, in men che non si dica è arrivata la risposta da parte degli interessanti.

Sul filo dell’ironia Tomasi si è affidato alla scrittura per controbattere al proprietario del Billionaire.  “Mi creda, non è facile fare una valutazione sull’andamento dei lavori autostradali stando seduti in automobile, senza sapere cosa realmente accade nei nostri cantieri“, le parole dell’ad nei confronti del 71enne. “La attendiamo per visitarli insieme. Siamo aperti 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Scelga Lei ora e giorno“, l’invito finale.