Dramma per l’ex campione della Juventus: l’ombra dell’abuso sessuale

Dichiarazioni shock sono state rilasciate da parte di un calciatore ex Juventus, che nel corso della propria carriera ha dovuto subire atroci molestie sessuali.

Juventus (AdobeStock)
Juventus (AdobeStock)

Non capita tutti i giorni che importanti nomi dello sport si espongano nel raccontare episodi spiacevoli della propria vita. In tanti, purtroppo, sono vittime di violenze, ma per paura di ricevere un ulteriore pregiudizio non trovano il coraggio di parlarne apertamente. Ci ha pensato uno straordinario ex professionista della Juventus ad aprirsi sul delicato tema.

Sono tante le storie di ragazzi e ragazze che nel corso della propria infanzia e adolescenza sono andati incontro ad abusi di vario tipo ed entità. Atteggiamenti e azioni che hanno segnato la vita di persone, prima ancora che atleti, in modo determinante.

La confessione shock dell’ex Juventus

Evra (Getty Images)
Evra (Getty Images)

L’ex calciatore della Juventus, Patrice Evra, è una leggenda del calcio francese. Il difensore è stato tra i migliori interpreti del ruolo del calcio transalpino. Dopo essere transitato in Italia nelle primissime fasi della carriera, il terzino è esploso nel Monaco e si è consacrato nel Manchester United.

Evra in Inghilterra ha vinto tutto e a trentatré anni è passato alla Juventus, dove ha continuato ad ottenere successi in campo. In Italia ha vinto due scudetti, due coppe Italia e una Supercoppa italiana. Naturalmente ha giocato anche con la nazionale francese, dove è stato protagonista in due mondiali.

A distanza di molti anni dall’accaduto, Evra ha trovato il coraggio di raccontare pubblicamente al Times degli abusi ricevuti, in un’intervista nella quale ha presentato il suo libro “I love this game”.

L’ex giocatore della Juventus ha spiegato che il preside del suo liceo lo ha molestato a tredici anni. “A volte dormivo da lui perché abitavo lontano da scuola, una sera credendo che stessi dormendo, ha messo le mani sotto il mio copriletto e ha cercato di toccarmi – ha raccontato Evra – sapevo che quello che stava facendo era sbagliato e ho cercato di spingerlo via e di colpirlo. Il tutto è durato dieci o quindici minuti, non scherzava, e ha fatto di tutto per togliermi i pantaloni”.

LEGGI ANCHE >>> Higuain, decisione clamorosa: ecco la sua ultima pazzia

“Mia mamma è stata devastata quando l’ha saputo, da poco, non l’ho mai detto ad alcuni dei miei fratelli, sorelle e amici intimi. Ho voluto parlarne pubblicamente e scriverlo nel mio libro, l’ho fatto per gli altri ragazzi: voglio che qualcosa del genere non capiti più a nessuno in futuro, ha chiarito il francese.

Una testimonianza che potrà aiutare tanti giovani a trovare la forza di ribellarsi e parlarne con le persone più vicine. Patrice Evra non solo si è dimostrato un grande atleta, ma anche un uomo molto forte.