Button distrugge Hamilton: retroscena clamoroso dell’ex F1

Janson Button ricorda i suoi passati in pista, con le auto di Formula1, e parlando di ex compagni si lascia andare su Hamilton.

Lewis Hamilton (Instagram)
Lewis Hamilton (Instagram)

Oggi, basta un canale YouTube ed un intervento, diventa una dichiarazione a cui tutti hanno accesso. E questo conta, specie se sei famoso come l’ex pilota di Formula1, Jenson Button, che è intervenuto sul canale di un altro grande ex: Nico Rosberg. Proprio quest’ultimo, ha rivelato come battere Hamilton, ed è di lui che ha parlato anche Button.

Il pilota britannico, oggi 41 anni, è stato uno dei più forti della sua epoca, anche se alla fine, è riuscito ad ottenere la vittoria in un solo Mondiale, quello del 2009 in Brawn. Ed ecco cosa ha detto il classe ’80, di alcuni suoi ex colleghi.

Button: paragone tra Hamilton ed Alonso

Jenson ha deciso di fare un paragone tra due piloti ancora in attività e che lui ha conosciuto bene: Lewis Hamilton e Fernando Alonso. L’inglese oggi ha 36 anni, mentre lo spagnolo ne ha già 40. Hamilton, secondo l’ex pilota, sarebbe più veloce, ma il più completo è Alonso. Questo, spiega il pilota della McLaren dal 2010 al 2017, perché: “ha sempre trovato il modo di essere più veloce di te”. 

Button, ricorda poi anche un aneddoto simpatico rispetto allo spagnolo, che dice di aver rispettato molto quando era suo compagno di scuderia. Secondo i racconti dell’inglese, i due si ritrovavano spesso a commentare le vetture e si rispettavano molto, ma c’è una cosa che non tutti sanno: “Se era dietro di me, diceva sempre che c’era un problema con la macchina… e se ne andava”, ricorda l’ex campione ridendo.

LEGGI ANCHE>>> Toto Wolff e quel rapporto “difficile” con la Ferrari: ecco cosa è successo

L’inglese, confessa di essersi divertito molto quando faceva parte delle competizioni in F1, ammettendo ancora una volta che quel che pensa di Alonso: “Talento estremo”. Dopo il ritiro, Button ha deciso di cercarsi qualcosa di meno competitivo ed ora corre nell’Extreme E. Se ha rimpianti per aver lasciato la Formula1? Non sembra, ecco come ha chiuso il suo intervento: “Quando batti i migliori, tutto ha un sapore molto più buono” e lui nel 2009 ci è riuscito.