Il Covid ha inciso sulle truffe sul web: cifre impressionanti

Truffe online, i dati erano già preoccupanti, ma il Covid ha aumentato il pericolo. L’Italia è il Paese dove se ne verificano di più?

Truffa online (Fonte foto: web)

Giacomo Gargano, Presidente Federmanager Roma spiega la situazione che lega l’avvento del Covid alle truffe online. Se prima, la tecnologia aveva aiutato già sostanzialmente i malviventi, con tutte le truffe possibili via web, la pandemia li ha addirittura aiutati e non poco.

Lo dicono i numeri: il 66% degli italiani, praticamente 2 su 3, hanno denunciato truffe di natura bancaria alle forze armate, nell’ultimo periodo, secondo la ricerca effettuata dalla Commissione europea su tale tema.

LEGGI ANCHE>>> Vuoi sapere se controllano il tuo smartphone? Ecco come

E se vi immaginate l’Italia come il solito Paese delle frodi, state sbagliando di grosso. Il nostro infatti, è solo il nono Paese colpito, mentre al primo posto si posiziona la Svezia con l’82% dei cittadini ad aver denunciato almeno una truffa. Secondo il dottor Gargano poi, bisogna anche tener conto di tutte quelle piattaforme e quei siti, che offrono dei servizi, ma senza un’autorizzazione. Questo, avrebbe spinto proprio il Presidente ed i membri della Federmanager Roma, ad aprire uno sportello dove gli iscritti troveranno sempre assistenza e consulenza.

LEGGI ANCHE>>> BNL, Sanpaolo, Unicredit: clienti ad altissimo rischio

Ed ecco il tema di cui vi abbiamo accennato, l’influenza del Covid in questo contesto. A parlare, è il Presidente Codacons, Gianluca Di Ascenzo: “Con il Covid il fenomeno delle truffe online ha subito una impennata del +400%. La maggiore presenza dei cittadini sul web imposta dal lockdown del 2020 e dallo smartworking ha aperto nuovi scenari per i cyber-criminali, che hanno approfittato dell’occasione unica offerta dall’emergenza sanitaria per incrementare il proprio giro d’affari e studiare nuove truffe che viaggiano su mail, WhatsApp e internet, adescando un numero crescente di vittime. Lo sportello del consumatore aperto presso Federmanager Roma offrirà agli utenti un ulteriore strumento per la tutela dei loro diritti e per combattere il fenomeno delle frodi”.