F1, chi è Nikita Mazepin? Social, altezza e biografia del pilota Haas

Tutto ciò che non sapevamo su Nikita Mazepin, lo sfortunato pilota che ha bisogno di riscatto al suo secondo anno in Haas.

Nikita Mazepin (Getty Images)
Nikita Mazepin (Getty Images)

Ha esordito in Formula 1 proprio nel 2021, come il suo compagno di scuderia, Nikita Mazepin, che nel prossimo mondiale continuerà a correre in Haas, la scuderia sovvenzionata da suo padre e che crede nei giovani. Ecco di chi è figlio, il classe ’99 e come è arrivato in F1.

Chi è Nikita Mazepin, il primo pilota Haas: età, professione, Instagram e biografia

  • Nome: Nikita Dmitrievič Mazepin
  • Data di nascita: 2 marzo 1999
  • Luogo di nascita: Mosca
  • Età: 22 anni
  • Altezza: 1,76 m
  • Fidanzata: Andrea D’Ival
  • Segno zodiacale: Pesci
  • Professione: Pilota automobilistico
  • Instagram: nikita_mazepin

Biografia e carriera di Nikita Mazepin

Nikita è il figlio di Dmitry Mazepin, ovvero il presidente della Uralchem Integrated Chemicals Company. La compagnia non è di certo indifferente al passaggio del ragazzo russo in F1, anche se lui si difende dicendo che non è assolutamente da privilegiato che corre in Formula 1, ma solo perché si è conquistato il suo sedile. E lo fa dopo aver iniziato nel 2014 con la MRF Challenge ed aver corso in serie come Formula Renault 2.0 NEC, Formula Toyota, F3 europea, F3 britannica e tanti altri tornei, fino ad arrivare alla F1 da collaudatore della Force India.

In Formula 2 ed in Formula 3 asiatica, tra 2019 e 2020 non ha fatto benissimo, come in precedenza nelle altre categorie. Infatti, il russo che corre ora con il ‘9’, non ha mai vinto nessuna competizione ufficiale, ma viene ugualmente scelto dalla Haas, per il 2021.

F1, Haas: Mick Schumacher umilia Mazepin, ecco come

Il primo anno di Nikita Mazepin in F1

Almeno come trampolino di lancio, Nikita non ha sfruttato il suo primo mondiale nella categoria maggiore delle quattro ruote sportive. La sua primissima Gara infatti, termina col ritiro in Bahrein, a causa di un testacoda che avviene quasi subito e gli rompe la vettura. Riesce a non fare danni, ma senza andare a punti, per nove GP prima del ritiro a Budapest. Ancora, GP del Belgio che non termina di per sé per pioggia, ed ancora due ritiri consecutivi. A quel punto, molto criticato, ancora per sei Gare non brilla ma riesce ad arrivare alla fine, cosa che non farà in Arabia Saudita. A causa della sfortunata positività al Covid, salta l’ultimissima Gara. Nel 2022, correrà ancora in Haas.