F1, Ferrari punta su Carlos Sainz: è tempo di sfatare un tabù

La Ferrari potrebbe essere tentata nel prosieguo della stagione a stabilire delle gerarchie. Carlos Sainz deve accorciare il gap con Charles Leclerc se vuole puntare al top.

La Ferrari ha subito spazzato via un tabù pesante alla prima gara dell’anno. L’ultimo successo e doppietta erano datate 22 settembre 2019 con il primo posto di Sebastian Vettel davanti a Charles Leclerc a Singapore. Quasi due anni e mezzo dopo la Rossa è tornata sul gradino più alto del podio grazie al trionfo di Charles Leclerc. Ora tocca a Carlos Sainz sfatare un suo personale tabù, conquistando la prima vittoria in carriera in F1.

Carlos Sainz (Ansa Foto)
Carlos Sainz (Ansa Foto)

Carlos ha tutto per emergere ai massimi livelli e far sue delle gare nella massima categoria del Motorsport. Il pilota madrileno, grazie ad una ferrea educazione familiare, si allena come pochi, è costante come pochi e ha l’ambizione di essere un numero 1. Il figlio d’arte del Matador sogna di vincere a tutti i costi, senza risparmiarsi e dimostrando, attraverso l’allenamento quotidiano, di poter battere i migliori driver del circus.

In Ferrari non ha deluso le aspettative, riuscendo ad ambientarsi alla grande nel team. Il suo percorso nel Motorsport è un susseguirsi di promozioni. Carlos ha debuttato in Toro Rosso al fianco di Max Verstappen. Ha poi gareggiato nel team Renault, lasciando la famiglia Red Bull. Ha debuttato nel 2021 in Ferrari dopo due solide stagioni in McLaren. La Scuderia italiana ha voluto fortemente lo spagnolo per sostituire il quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel. Carlos Sainz non ha sentito alcuna pressione, riuscendo ad entrare nei cuori dei fan della Rossa.

L’obiettivo di Carlos Sainz

Carlos Sainz ha dimostrato di essere un martello. Ha concluse le gare del 2021 in top 10, salvo due eccezioni. Mai un ritiro, comunque, da quando corre a Maranello, CS55 ha dato una risposta strepitosa a tutti i detrattori che a inizio 2021 erano in dubbio sulle sue qualità tecniche. Dopo otto podi in carriera il madrileno desidera solo vincere il suo primo Gran Premio di F1.

L’anno è iniziato con il piede giusto con il secondo posto in Bahrain e la terza posizione in Arabia Saudita. Il problema è che il suo teammate Charles Leclerc ha trovato sin da subito un feeling spettacolare con la F1-75. In merito all’adattamento alla nuova auto ad effetto suolo, lo spagnolo, post GP di Jeddah, ha dichiarato: “Per me questa gara è stata un progresso rispetto al Bahrain. Ho trovato un pochino più di ritmo però ci sono ancora dei decimi da trovare, ma alla fine ci arriverò”.

Lo spagnolo ci deve arrivare in fretta perché come lui stesso ha dichiarato, prima o poi, la Ferrari farà dei ragionamenti su chi puntare per il Mondiale. In tutti i team vi sono, ad un certo punto della stagione, delle gerarchie. Dopo due podi consecutivi nel 2022 e il secondo posto in classifica piloti, allo spagnolo manca solo il primo trionfo. Si tratta di piccoli dettagli che Carlos dovrà mettere a punto a breve. Il pilota sa bene come funziona il Motorsport e non vuole accettare, mentalmente, un ruolo di secondo piano.

Carlos è, tra l’altro, pronto a firmare un prolungamento contrattuale con la Rossa con la speranza un giorno di laurearsi campione del mondo con la squadra italiana. Per farlo dovrà, prima di tutto, portarsi al livello di Leclerc e questo dovrà essere indispensabile nel più breve tempo possibile. Lo scorso anno lo ha preceduto in classifica piloti, ma le nuove wing car hanno stravolto i valori della scorsa annata e la Rossa non era in lotta per il Mondiale. Ora che il gioco si fa duro, Sainz deve dimostrare di essere all’altezza dell’asso monegasco.