F1 GP d’Olanda, è febbre Verstappen: hanno cambiato tutto per lui

F1 Gp d’Olanda, Zandvoort: dopo 25 anni la grande Formula Uno torna in Olanda. E affermare che i tifosi locali sono in visibilio per vedere all’opera su pista i propri beniamini è un eufemismo.

Max Verstappen (Instagram)
Max Verstappen (Instagram)

F1 Gp d’Olanda, Zandvoort: per dimenticare la farsa di Spa

Inutile nasconderlo, poi, il Gran Premio di Spa, nel vicino Belgio, non ha certo lasciato strascichi positivi. Una gara-farsa: il maltempo, il timore concreto degli incidenti, già avvenuti nelle prove e nelle W Series. E cosa pensa di fare la Fia? Tutti a gareggiare, ma dietro la safety car, allo scopo di assegnare punti e non annullare la gara. Risultato? Pochi deudenti giri e il vincitore finisce con l’essere l’uomo che aveva vinto le prove, Verstappen, per la “gioia” di Hamilton. Emozioni? Zero. Adrenalina? ancora meno. Spettatori paganti del biglietto infuriati. Tutto per “tirare avanti alla buona”, della serie speriamo in…tempi migliori.

F1 Gp d’Olanda, Zandvoort: dopo 25 anni la F1 nel Paese dei Tulipani

Scusate il gioco di parole ma è così. In Olanda le condizioni metereologiche per fortuna si annunciano ben diverse. Il Paese dei Tulipani riabbraccia la F1 dopo “una vita” e si prepara ad accogliere nel migliore dei modi il suo beniamino. Il sostegno a Max Verstappen diventa totale e addirittura contagioso.

Verstappen (instagram)
Verstappen (instagram)

Tutti per Verstappen

Il pilota della Red Bull, classe 1997, ci crede nel titolo finale e fa bene. E’ a soli tre punti da Hamilton, capoclassifica, leader e pluridecorato del circuito da oltre un decennio. A Zandvoort, situato a due passi dall’omonima cittadina, costa olandese del Mare del Nord, hanno pensato bene di riservare un’accoglienza speciale al pilota del loro cuore.

Cartelli stradali cambiati (twitter)
Cartelli stradali cambiati a Zandvoort (twitter)

Leggi anche>>> F1, GP d’Olanda talismano Ferrari: ecco perché a Maranello sperano

E così i cartelli stradali sono stati cambiati e sostituiti con il numero 33, quello del corridore nativo di Hasselt, figlio d’arte (mamma pilota), che debuttò in F1 con la Toro Rosso. Verstappen ha ancora ampie possibilità di crescita: ricordiamolo è ancora il pilota più giovane ad aver mai vinto un Gp, aggiudicandosi nel 2016 il Gran Premio di Spagna, a Barcellona, alla guida della Red Bull.