F1, Max Verstappen risponde e rilancia: Wolff brucia dalla rabbia

Il team principal della Mercedes, Toto Wolff, lontano dalle telecamere ha voluto scrivere un messaggio a Max Verstappen dopo la infuocata notte di Abu Dhabi.

Max Verstappen (Getty Images)
Max Verstappen (Getty Images)

Max Verstappen si è aggiudicato il suo primo titolo mondiale dopo una lotta lunga 22 Gran Premi con Lewis Hamilton. Ad Abu Dhabi i due antagonisti si sono presentati, all’ultimo appuntamento della stagione, a pari punti a quota 369,5. L’unico vantaggio del pilota del Red Bull Racing era quello di poter avere a disposizione una vittoria in più rispetto a rivale. In caso di arrivo fuori dalla zona punti di entrambi o doppio DNF il figlio d’arte di Jos avrebbe comunque portato a casa il titolo. Il #33 ha sfoderato una clamorosa velocità in qualifica sul tracciato di Yas Marina, grazie ad un assetto molto scarico, che però poi non ha pagato in gara.

La pole di Verstappen non è bastata per conservare, allo spegnimento dei semafori, la leadership della corsa. Lewis Hamilton ha bruciato sullo scatto il giovane olandese, nonostante una mescola diversa. Il #33 avrebbe dovuto beneficiare in partenza della gomma soft per imporre un ritmo indiavolato nei primi giri del Gran Premio di Abu Dhabi. Alla prima curva, invece, il sette volte campione del mondo ha guadagnato la prima posizione, tenendo testa al rivale nelle curve successive. I vertici della Red Bull Racing si sono lamentati di un taglio di chicane dell’inglese, in un tentativo di sorpasso estremo dell’olandese.

Nulla in confronto alle polemiche per le ultime tornate. Il clou, infatti, è arrivato nei giri finali quando oramai le cose sembravano scontate. Soltanto un problema tecnico o una improvvisa Safety Car avrebbero potuto riaprire giochi mondiali. Il destino ha voluto che Nicholas Latifi, driver della Williams motorizzata Mercedes, impattasse, a pochi giri dalla conclusione del campionato, contro le barriere arabe. In lotta nelle retrovie con Mick Schumacher, il pilota canadese ha perso il controllo della sua vettura. il direttore di gara, Michael Masi, ha chiesto l’intervento della Safety Car.

F1, Toto Wolff rivela i motivi del silenzio di Lewis Hamilton: cosa succede?

La risposta di Max Verstappen al messaggio di Toto Wolff

Michael Masi ha regalato la chance della vita a Max Verstappen su gomme fresche. L’olandese non avrà creduto ai suoi occhi quando ha visto liberare la pista per il suo ultimo disperato tentativo mondiale. Con un sorpasso in curva 5 il #33 si è preso la vittoria e il titolo. Ciò che ha mandato su tutte le furie Lewis Hamilton e i vertici della Mercedes è stata la dubbia decisione del direttore di gara di far riprendere la corsa quando non tutte le vetture si erano sdoppiate alle spalle dei primi due della classifica.

Toto Wolff e Lewis Hamilton si sono lasciati andare a dichiarazioni via radio pesanti contro il direttore di gara. L’inglese ha parlato di manipolazioni e il manager austriaco di un vero e proprio furto ai danni del sette volte campione del mondo. Il pilota della Mercedes, una volta sceso dalla sua vettura, si è congratulato con il nuovo campione del mondo, stringendogli la mano. Da allora si è chiuso in un silenzio tombale, in controtendenza con il suo modo di interagire con i fan anche attraverso i social.

Toto Wolff tuona contro la F1: parole velenosissime

A Sky Sport Max Verstappen, qualche settimana fa, ha dichiarato: “Toto Wolff si è congratulato con me per la stagione e mi ha detto che ho meritato la vittoria. E’ stato un bel gesto da parte sua visto che gli animi si sono infiammati nell’ultimo giro in tutti e due i team. In ogni caso questa è la situazione e vedremo cosa accadrà“. Eravamo rimasti con il dubbio su qualche fosse stata la risposta del nuovo campione del mondo al messaggio del team principal della Mercedes. Alla Bild, il manager austriaco ha sciolto ogni dubbio. Max ha replicato: “Grazie mille. È stata una battaglia dura, non vedo l’ora che arrivi l’anno prossimo“.

Verstappen ha già lanciato la sfida ai rivali in vista della prossima annata. L’olandese, dopo il suo primo trionfo mondiale, non ha nessuna intenzione di fermarsi. Il #33 vuole dimostrare a tutti che non ha vinto, grazie alla discutibile decisione di Masi ad Abu Dhabi. “Dobbiamo fare di tutto per vincere entrambi i campionati la prossima stagione“, ha tuonato Wolff alla Bild.