F1, suicidio Mercedes: Bottas fa l’assist ma segna Verstappen (VIDEO)

Clamoroso quanto accaduto in partenza nel round di F1 in Messico. Le Mercedes hanno buttato al vento la prima fila, con Verstappen al comando.

Bottas (Twittter)
Bottas (Twittter)

La F1 regala sempre delle emozioni incredibili. Le Mercedes avevano ottenuto la prima fila in qualifica, ma Max Verstappen le ha beffate in partenza sfruttando una scia clamorosa sul lungo rettilineo principale. L’olandese si è incollato a Valtteri Bottas, e grazie anche alla gran potenza del motore Honda ha preso il comando delle operazioni.

Nel frattempo, Lewis Hamilton era convinto di aver già preso la posizione, ma il compagno di squadra lo ha spinto troppo all’interno portandolo a staccare sullo sporco. Max ha potuto così staccare tardissimo, approfittando della linea pulita che consente di avere un maggiore grip.

Oltre al danno, anche la beffa per il finlandese: Daniel Ricciardo lo ha tamponato in pieno, facendolo girare e costringendolo a crollare in fondo al gruppo. Valtteri ha così deciso di pittare, per montare la gomma Dura ed inventarsi una strategia diversa. Hamilton è secondo in mezzo alle Red Bull, con Pierre Gasly quarto.

F1, spettacolo al via in Messico

La partenza della F1 ha esaltato i fan presenti all’Autodromo Hermanos Rodriguez. Le Ferrari non avevano avuto una partenza troppo felice, ma approfittando del caos hanno guadagnato alcune posizioni. Charles Leclerc è salito dall’ottavo al quinto posto, mentre Carlos Sainz è retrocesso in settima piazza.

Lo spagnolo ha avuto un contatto con Ricciardo, ma la sua ala anteriore non ha riportato danni. La grande sorpresa è stato Antonio Giovinazzi, salito sesto con la sua Alfa Romeo Racing. Nono George Russell con la Williams, davanti a Kimi Raikkonen ed alla Haas di Nikita Mazepin.

LEGGI ANCHE >>> Carlos Sainz distrugge la Ferrari: la delusione è palpabile

Poco dopo, alla ripartenza dalla Safety Car, Carlitos ha passato il nostro Antonio, comunque sempre settimo. Tra le vittime del primo giro vanno annotati Yuki Tsunoda con l’AlphaTauri e Mick Schumacher, entrambi già costretti al ritiro. Al nuovo via, Ricciardo si è liberato di un vergognoso Bottas che ha complicato il suo lavoro.