F1, Il nuovo presidente della FIA annuncia il futuro di Lewis Hamilton

Il pilota della Mercedes, Lewis Hamilton, ha parlato con il presidente della FIA Mohammed Ben Sulayem. Quest’ultimo ha raccontato tutta la verità sulla scelta dell’inglese.

Lewis Hamilton (Getty Images)
Lewis Hamilton (Getty Images)

Da quando Lewis Hamilton ha tagliato il traguardo del Gran Premio di Abu Dhabi in seconda posizione si è fatto un gran parlare delle sue motivazioni a restare in F1. Sono rimbalzati dei rumor in merito ad un possibile ritiro del trentaseienne inglese, a seguito della beffa finale negli Emirati Arabi. Il #44 non si è mai esposto davanti alle telecamere palesando dei dubbi sul suo prosieguo nella massima categoria del Motorsport. Il pilota della Mercedes ha subito un furto, secondo Toto Wolff, ma ogni qualvolta in carriera ha ricevuto uno schiaffo si è subito ripreso l’anno successivo. E accaduto nel 2007, al debutto nel circus, quando un giovanissimo Lewis perse la sfida finale in Brasile contro Raikkonen, fallendo la possibilità di laurearsi campione del mondo all’esordio assoluto.

La prima stagione di Lewis Hamilton in McLaren Mercedes al fianco del bicampione del mondo Fernando Alonso diede la misura del potenziale pazzesco del giovane. L’anno dopo il #44 sfidò un altro ferrarista fino all’ultima curva dell’ultimo GP, Felipe Massa. Con un pizzico di fortuna l’inglese riuscì a rivendicare il titolo perso l’anno precedente, conquistando la sua prima corona iridata. Lo stesso trend è avvenuto anche nel biennio 2016 – 2017. Il driver della Mercedes fu sconfitto a sorpresa dal suo compagno di squadra Nico Rosberg. Quest’ultimo, grazie ad una costanza straordinaria, riuscì nel 2016 con l’allenamento e la testa a mettere in crisi il nativo di Stevenage. Ad Abu Dhabi si laureò campione del mondo il figlio d’arte di Keke, dando una severa lezione al compagno di squadra rivale.

Dopo la dura sconfitta infertagli da Rosberg, Lewis, nelle successive stagioni, è riuscito sempre a conquistare il mondiale, aggiudicandosi quattro titoli di fila. Dopo un 2020 dominato, la Mercedes e il suo alfiere non si aspettavano probabilmente una Red Bull Racing così forte nel 2021. Max Verstappen è stato in grado di tenere testa al sette volte campione del mondo inglese, conquistando con merito Il suo primo titolo mondiale. Il modo con cui è arrivata la vittoria finale non deve tradire una stagione strepitosa del #33. Dopo la gara di Abu Dhabi, infatti, Lewis Hamilton sportivamente si è congratulato con l’antagonista, riconoscendogli tutti i meriti.

Norris emoziona tutti: le sue parole danno una sterzata alla F1

Il futuro di Lewis Hamilton

Il silenzio di Lewis Hamilton ha fatto rumore. Il pilota si è chiuso in se stesso, non pubblicando nulla sui social. Il campione, inoltre, ha deciso di non presenziare al Gala finale della FIA a Parigi. In una situazione anomala, Mohammed Ben Sulayem, nuovo presidente della FIA, ha deciso di intervenire, mandando un messaggio al pilota della Mercedes. Come riporta la Gazzetta dello Sport, il successore di Jean Todt ha annunciato: “Gli ho solo mandato un messaggio, non credo sia ancora pronto al 100% a parlare di quello che è successo, capisco la sua posizione. Non si tratta di punire un pilota o una squadra, ma di fare rispettare le regole, ma non voglio prendere una decisione senza avere studiato approfonditamente i fatti. Avete sentito Lewis dire che vuole ritirarsi? No. Io sono fiducioso, molto fiducioso, sul fatto che ci sarà, è una parte fondamentale del nostro sport“.

F1, l’Europa sparirà dal calendario? La situazione si fa preoccupante

Ben Sulayem ha spento tutti i rumor, facendo capire che Hamilton non ha nessuna intenzione di ritirarsi. Il campione rispetterà il suo contratto con la Mercedes e tornerà più affamato di prima nel 2022. “Sono stato eletto solo due settimane fa e sto ancora studiando quello che è successo. La F1 è uno sport dinamico e noi dobbiamo esserlo altrettanto, attivi più che reattivi, le regole devono essere adattate. Quello dei regolamenti non è il libro di Dio, può essere migliorato”, ha spiegato il presidente della FIA.