F1, McLaren già sul piede di guerra: c’è una cosa che non le va giù

C’è già qualcosa che non convince la McLaren, nel regolamento per la prossima stagione, cosa, lo spiega Key.

McLaren (Getty Images)
McLaren (Getty Images)

Il campionato 2022 non è neanche iniziato, ma già sembra che bisogni fare un po’ di polemica. A parlare, il direttore tecnico della scuderia McLaren, James Key, a cui, lo ha detto a chiare lettere, il regolamento della prossima stagione non convince neanche un po’.

Pretattica o giuste preoccupazioni? Forse lo scopriremo soltanto dopo le prime gare della stagione, che inizierà domenica 20 marzo 2022 in Bahrain. Intanto, segnatevi tutti gli orari delle dirette tv, perché tra pochissimi giorni, si corre ad Austin.

McLaren: parla il direttore tecnico, Key

Daniel Ricciardo e Lando Norris, non hanno deluso durante il Mondiale che stiamo vedendo ed anche se ormai sono entrambi lontani dalla possibilità di vincere, non si può dire che non abbiano fatto il massimo con i mezzi a disposizione. I due, sono già stati confermati anche per l’anno prossimo.

A proposito di piloti McLaren, ecco le parole dell’ex, Rosberg, su alcuni colleghi del passato e del presente. A fare scalpore però, sarebbero quelle pronunciate nelle scorse ore, da un uomo della scuderia britannica. Key, ha già spiegato agli appassionati che il calendario ed i regolamenti della prossima stagione, potrebbero deluderli.

LEGGI ANCHE>>> F1, può saltare un Gran Premio storico: i tifosi sono in ansia

“Non aspettatevi doppi diffusori o vertenze di quel genere, le regole sotto aspetti di quel tipo sono molto restrittive. – Dice il direttore sportivo McLaren, James Key – Ci sono però tante aree interpretabili in cui si può fare la differenza. Ci sono delle ‘trappole’ diciamo nel regolamento. È possibile che quando finalmente si vedranno le auto in pista ci saranno dei team che hanno ‘allineato’ meglio la vettura rispetto ad altri. A quel punto, però, non si potrà intervenire per risolvere eventuali problemi o gap a stagione in corso, sarà un lavoro da posticipare all’anno successivo”.