Quante 24 ore di Le Mans ha vinto la Ferrari? Ecco il dato

La Ferrari tornerà a Le Mans in classe regina dalla prossima stagione, a 50 anni dall’ultima presenza. Ecco quante volte ha vinto.

Per la Ferrari il momento attuale è ricco di cambiamenti e di concentrazione verso il futuro. In F1 la situazione è nettamente migliorata rispetto agli anni precedenti, con Charles Leclerc in piena lotta per il titolo mondiale e che tra poche ore partirà in pole position al Gran Premio dell’Azerbaijan.

Ferrari (AdobeStock)
Ferrari (AdobeStock)

L’interesse degli appassionati è focalizzato anche sulla Hypercar che verrà presentata a breve, e che segnerà il ritorno del Cavallino nella classe regina della 24 ore di Le Mans. L’ultima volta è avvenuto nel 1973, ed esattamente 50 anni dopo sarà la volta buona per il tanto atteso comeback.

La Ferrari ha organizzato un test segreto negli ultimi giorni sul tracciato di Vallelunga, dove quelli che saranno i piloti del prossimo anno hanno girato su un’Oreca 07 Gibson della classe LMP2. Nelle ultime ore si è diffusa una voce che avrebbe del clamoroso se confermata, ovvero che anche Fernando Alonso potrebbe essere tra i candidati per guidare questa vettura.

Lo spagnolo si è fatto già una bella esperienza alla 24 ore di Le Mans, avendola vinta per ben due volte con la Toyota ufficiale nel 2018 e nel 2019, anno in cui ha portato a casa anche il titolo mondiale piloti endurance. Tra di loro potrebbe esserci anche Antonio Giovinazzi, ma è impensabile che non vengano coinvolti dei veri e propri fenomeni del panorama Gran Turismo come Alessandro Pier Guidi e James Calado.

Questa coppia ha vinto due volte il titolo del FIA WEC in classe GTE PRO, imponendosi nel 2017 e nel 2021. Pier Guidi e Calado si sono imposti nel 2019 e nel 2021 anche alla 24 ore di Le Mans, assieme a Daniel Serra nel primo caso e Come Ledogar lo scorso anno, ma quest’anno stanno affrontando delle grandi difficoltà a causa di un Bop decisamente sfavorevole.

Ferrari, ecco quante volte ha vinto a Le Mans

La Ferrari ha vinto in ben nove occasioni la classifica assoluta alla 24 ore di Le Mans, ma per trovare il nome del Cavallino nell’albo d’oro bisogna effettuare un vero e proprio viaggio nel tempo. La prima affermazione risale infatti al 1949, quando la 166 MM di Luigi Chinetti e Peter Mitchell-Thomson si impose a due anni dalla fondazione della casa di Maranello.

La seconda è datata 1954, e vide trionfare la 375 Plus di Jose Froilan Gonzales (vincitore nel 1951 a Silverstone del primo GP di F1 per la Scuderia modenese) e Maurice Trintignant. In seguito arrivarono altre sette vittorie, l’ultima delle quali nel 1964 con la 275 P affidata a Jean Guichet e Nino Vaccarella.

Un paio di anni dopo avvenne il famoso duello tra la Ferrari e la Ford, con la casa americana che ebbe ragione della Rossa grazie alla mitica GT40 MK.II di Bruce McLaren e Chris Amon. La casa di Maranello ha abbandonato nel 1973 la classe regina, concentrandosi in seguito sulle categorie Gran Turismo. Tantissime le vittorie arrivate con la F430 GT negli anni Duemila con il Risi Competizione, prima che il dominio passasse ad AF Corse.

La squadra di Amato Ferrari ha trionfato per la prima volta con la 458 Italia nel 2012, grazie a Gimmi Bruni, Tony Vilander e Giancarlo Fisichella, terzetto che si è ripetuto anche due anni più tardi. In seguito arrivò il momento della 488 GTE turbo, trionfatrice in GTE PRO sia nel 2019 che nel 2021, oltre ai titoli nel FIA WEC.

Dal prossimo anno, la casa italiana sarà di nuovo al via con la Hypercar, nel tentativo di sfidare case quali Toyota, Porsche e Peugeot che nell’endurance vantano tantissime vittorie ed una lunga esperienza. I giapponesi stanno lottando per la quinta vittoria consecutiva, mentre la casa di Weissach ha trionfato per 19 volte alla 24 ore di Le Mans. Tre i successi per i transalpini. La sfida sarà spettacolare.