Vlahovic nei guai: può finire malissimo con la Fiorentina

Commisso esce allo scoperto: Dusan Vlahovic non ha voluto rinnovare, i tifosi viola sono indignati, ora lui rischia.

Dusan Vlahovic (Instagram)
Dusan Vlahovic (Instagram)

Cos’è lo sport: a livelli professionistici è anche essere l’idolo della curva oggi ed un uomo da ‘tagliare’, domani. In alcuni casi, certo, sono gli stessi atleti ad avere le colpe, se i tifosi della loro squadra se ne vogliono liberare e chissà che non si sentirà così, anche l’attaccante della Fiorentina.

Parliamo del giovane Dusan Vlahovic, di cui doti balistiche non si discutono, ma che potrebbe presto dove abbandonare quella ‘9’ tanto cara alla tifoseria toscana, che la vide indossare da un fedelissimo come Batistuta.

Grana Vlahovic: cosa succede in casa viola?

Il campionato è iniziato soltanto da un paio di mesi, eppure già ci sono i primi battibecchi tra teste calde e società, come avviene per Vidal all’Inter, che sarebbe stato beccato ubriaco in auto. Quello tra Vlahovic e Commisso però, non nasce da una bravata, ma dalla non voglia del ventunenne, di rinnovare con la società viola.

Lo stesso presidente della Viola, ha redatto un breve comunicato, dove spiega: Ho provato personalmente a trovare una soluzione con Vlahovic per poter rendere felice lui e il club ma, con mio grande dispiacere, ogni nostro tentativo e ogni nostro sforzo non sono stati premiati“. Ed ecco che da calciatore tanto amato, sui social sono volati i primi insulti, per un atleta ora malvoluto, anche dalla stessa tifoseria.

LEGGI ANCHE>>> Messi, Maradona o CR7? L’ex Barcellona: “Paragone improponibile”

Ma non sarà solo la spaccatura col proprio stesso pubblico, che dovrà preoccupare il centravanti serbo. Dusan, che comunque dovrà starsene a meno di cessioni, a Firenze, per altri due anni o poco meno, rischia di farlo in tribuna. Infatti, sui social è proprio questa la richiesta che tanto campeggia tra i tifosi, che scrivono alla società con questa richiesta: “Fatelo restare in Tribuna”, dicono in tanti. Questo vuol dire che se Commisso volesse davvero ascoltarli, l’attaccante rischierebbe di non giocare partite di club, fino a giugno 2023.