Genesis X Speedium coupé, il futuro “elegante” dell’elettrico (VIDEO)

Al salone di New York è stata svelata la nuova vettura Genesis, che fa parte della Hyundai. Una vettura davvero innovativa.

A neanche un anno dalla presentazione del suo Concept X (nella foto principale), la Genesis è pronta a lanciarsi ancor di più nel futuro. La casa sudcoreana (di proprietà Hyundai) prosegue il proprio percorso di sviluppo verso una mobilità a zero emissioni e altamente tecnologica, unendo a questo anche un design elegante e sempre più al servizio dei propri clienti. In questi giorni, al salone di New York, ha presentato al pubblico un nuovo modello decisamente accattivante e che punta col suo design a ridefinire il mercato della auto di lusso.

Genesis (AdobeStock)
Genesis (AdobeStock)

Parliamo di un altro prototipo, dal nome X Speedium coupé. Un’automobile elegante sì ma al tempo stesso sportiva e che col suo design prova a dettare nuove regole per le auto del futuro.

Genesis X Speedium coupé, il “futuro sudcoreano”

La Genesis X Speedium prende il nome dall’Inje Speedium, un circuito nel nord-est della Corea del Sud, e anche la tonalità Inje Green è ispirata dalla vegetazione che circonda il circuito. L’auto a ben vedere conserva gran parte del design dell’originale X Concept, comprese le robuste fiancate anteriori e posteriori, così come la coda molto affusolata.

Rispetto però al modello da cui trae ispirazione ci sono stati alcuni aggiornamenti in questa Genesis, in particolare il cambiamento delle forme, molto più simili a una vera coupè o fastback, con una linea del tetto posteriore ampia. Il frontale elimina anche gli ultimi richiami a un motore a combustione interna, con la rimozione della caratteristica griglia. Qui ora emerge infatti in tutto il suo splendore una nuova grafica dei fari, formati da due grandi linee che percorrono tutta la parte anteriore. Solo la forma triangolare nel mezzo prova a richiamare le vecchie griglie che davano aria ai radiatori per il motore. Ma non è tutto. Infatti le due linee continuano anche subito dopo i parafanghi anteriori, percorrendo una parte della silhouette della macchina.

La grafica “Two Lines” dell’anteriore poi continua con le telecamere laterali, ma è ripresa anche nelle strisce cromate dei finestrini posteriori e nei fanali posteriori, come nel modello originale. Dietro poi si nota un diffusore più grande e più convenzionale. Non sono state mostrate immagini degli interni, ma in teoria dovrebbe ricalcare a grandi linee quelli visti nella X Concept, che presentava un design avvolgente del cruscotto con colori contrastanti tra guidatore e passeggero, un display molto grande e avvolgente il guidatore e sedili avvolgenti con imbracature a quattro punti e un selettore del cambio sferico in cristallo, che ha fatto il suo debutto nell’altra Genesis, la GV60, già in produzione.

La X Speedium coupé, come dicono dalla casa madre, sfida lo status quo di un determinato tipo di auto. Non è una concept car convenzionale: “Questa vettura è una porta aperta sul viaggio di Genesis verso quello che sarà il futuro design dei nostri veicoli elettrici”, ha affermato Luc Donckerwolke, Chief Creative Officer di Genesis. “Questa non è un’auto da esposizione: è uno sguardo ai nostri processi di progettazione mentre esploriamo le idee per la prossima generazione di veicoli elettrici”. Una linea che entro il 2030 vedrà ben sei nuovi modelli in produzione e tutti 100% elettrici.