Horner, che smacco a Vettel: Red Bull stregata da Verstappen

Max Verstappen è stato eletto dal suo Team Principal come il migliore di sempre nella storia della Scuderia, ma non tutti l’hanno presa bene.

La Red Bull è un team abbastanza giovane, tanto è vero che ha iniziato la sua storia in F1 solamente nel nuovo millennio, ma è riuscita comunque a mettere il proprio marchio in maniera importante all’interno della storia dell’automobilismo, con a Max Verstappen che è stato in grado ha nel 2021 di rompere l’egemonia della Mercedes e di Lewis Hamilton ottenendo così il suo primo titolo mondiale, con Chris Horner che ha apertamente parlato di come l’olandese sia il migliore di sempre della storia della scuderia dimenticando però un grande campione.

Max Verstappen Red Bull (Ansa Foto)
Max Verstappen Red Bull (Ansa Foto)

Riuscire a vincere il Mondiale di F1 è sicuramente un qualcosa di molto complicato per tutti, non importa quale possa essere la vettura a propria disposizione, quello che conta è riuscire ad arrivare prima di tutti gli altri, un traguardo che solo pochi campioni sono in grado di realizzare, con Max Verstappen che sicuramente è stato uno dei migliori in assoluto da questo punto di vista.

L’olandese è destinato a essere uno dei grandi protagonisti di questo decennio, ma il suo nome è già stato impressa per sempre nell’albo d’oro di questa straordinaria federazione, con Chris Horner che lo ha già promosso come il miglior pilota di tutti i tempi della Red Bull, un qualcosa che però fa molto discutere.

La scuderia austriaca infatti ha avuto dalla propria parte anche una leggenda assoluta come Sebastian Vettel, uno di quelli capaci di vincere per bene 4 anni consecutivi il mondiale, dal 2010 alle 2013, riuscendo anche imporre un certo tipo di dominio davvero unico nel proprio genere.

Va detto che però con il pilota tedesco non c’è stato un bel addio, forse proprio per questo motivo si sta cercando in tutti i modi di sminuire il suo lavoro a dir poco eccezionale è fatto con la scuderia dell’energy drink, ma è davvero sciocco parlare in certi termini.

Date a Vettel quello che è di Vettel: Verstappen deve ancora crescere

Per quanto Max Verstappen sia senza ombra di dubbio un pilota eccezionale e a tutte le carte in regola per diventare uno dei più grandi della storia, in questo momento il divario con Sebastian Vettel è ancora abbastanza importante, perché il tedesco è stato in grado nel corso della propria storia di realizzare delle imprese davvero eccezionali.

Quando si parla poi di vettura estremamente più forte rispetto alla concorrenza si dice il vero, ma si dimentica il fatto che nel 2010 la Red Bull aveva due piloti senza mai aver vinto il mondiale e dunque non avevo una vera e propria gerarchia il suo interno, tanto è vero che all’ultima gara Vettel era solamente terzo dietro a Fernando Alonso in Ferrari primo e al compagno di squadra Mark Webber.

Con una gara perfetta ad Abu Dhabi riuscire a sfruttare i problemi del compagno e la pessima strategia della Rossa, ottenendo così un titolo mondiale straordinario, diventando il più giovane di sempre a vincere un Mondiale, non un qualcosa dunque di così normale.

Nel 2011 è vero vinse in scioltezza, ma nel 2012 ed una fortissima concorrenza da parte della Ferrari di Fernando Alonso, dovendo soffrire in una prima parte di mondiale dove la Red bull e non riusciva a trovare la quadra, per poi iniziare una straordinaria rimonta nella seconda parte e vince anche in questo caso solamente all’ultima gara.

Infine c’è il 2013, altro anno in cui la Red Bull era di un’altra categoria rispetto alla concorrenza, ma quando si riescono a vincere bene 9 Gran Premi consecutivi, un record assolutamente imbattibile nella storia della F1, dimostra come è vero la macchina fosse superiore, ma ci sono stati tanti altri casi Nella storia, ma se solo lui è stato in grado di realizzare questa impresa vuol dire quindi che la classe era di quelle cristalline.