Ferrari raggiunta dai rivali? Leclerc ora vuota il sacco

Gli importanti progressi dall’anno scorso hanno dato fiducia a Leclerc, convinto che la Ferrari si manterrà al top per l’intera stagione.

Mai come nella stagione in corso l’evoluzione delle monoposto giocherà un ruolo cruciale. Un dettaglio non secondario specialmente per la Ferrari che, in tempi recenti si è dimostrato abbastanza debole sotto questo punto di vista.

Charles Leclerc (Ansa Foto)
Charles Leclerc (Ansa Foto)

Il modo in cui però la scuderia di Maranello ha affrontato l’inverno e ha saputo risollevarsi dalla difficoltà che l’avevano colpita in maniera importante dall’ultima parte di 2019, ha convinto Charles Leclerc che la storia del 2022 sarà decisamente più positiva e a lieto fine.

Reggere il passo della Red Bull in termini di aggiornamenti non sarà semplice, ma stiamo parlando della stessa squadra che ha creato la F1-75“, ha affermato fiducioso a Motorsport.com.

Leclerc non teme il confronto con gli altri top team

Facendo professione di fede, il #16 ha definito improbabile  e immotivato un ritardo nell’introduzione delle novità in confronto alla rivale austriaca o alla Mercedes.

Abbiamo degli update in programma e credo si stia andando nella giusta direzione. Per questo preferisco non focalizzarmi su quanto fa la concorrenza. Dobbiamo pensare a noi“, ha filosofeggiato.

Al momento la chiave è la mappatura della monoposto, l’individuazione delle aree da implementare. “Da due anni a questa parte abbiamo fatto un salto di qualità per quanto concerne le modalità di analisi del weekend, piuttosto che di identificazione delle nostre debolezze e idi reazione per correggere i deficit“, ha proseguito nella riflessione che lo porta ad essere ottimista.

E giusto per restare in tema di sicurezza in sé stesso e nell’equipe italiana, il 24enne ha negato di soffrire la pressione per una leadership iridata mai incontrata prima nella sua carriera in F1.

Mi è capitato nelle formule minori, ma nel Circus è qualcosa di diverso, specialmente quando si corre per la Ferrari e dopo alcuni campionati critici“, ha detto. “Ovviamente essendo conscio di avere tra le mani un’auto capace di vincere la mia mentalità è cambiata. Non devo strafare o cercare il colpo speciale o spettacolare per guadagnare un paio di posizioni. So di avere una vettura con del potenziale e io devo soltanto fare il mio“, ha concluso spiegando le differenze on il 2021.