Hamilton, dall’Inghilterra insistono: possono arrivare le dimissioni dalla F1

Il futuro di Lewis Hamilton in Formula 1 sembra dipendere da un fatto preciso. Dall’Inghilterra arrivano indiscrezioni sulla situazione.

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton (foto Getty Images)

Il silenzio di Lewis Hamilton dopo la fine del campionato 2021 di Formula 1 fa rumore. Tutti sanno che è deluso e arrabbiato per quanto successo nel Gran Premio di Abu Dhabi, ma ha preferito non rilasciare dichiarazioni al termine del weekend di gara.

Non sono pochi ad aver pensato che il sette volte campione del mondo stesse pensando di ritirarsi. Aveva smesso di seguire il profilo ufficiale social della F1 e sono trapelati diversi rumors su un suo addio al Circus. Tuttavia, considerando il contratto che lo lega ancora alla Mercedes fino al 2023, è probabile che vedremo il pilota inglese ancora in pista almeno nel 2022 per prendersi la rivincita e magari vincere l’ottavo titolo. Una volta diventato il recordman assoluto di mondiali vinti, potrebbe effettivamente lasciare. Pare che nell’accordo con il team di Brackley esista una clausola che gli consenta di andarsene con un anno di anticipo rispetto alla scadenza.

Quante lingue parla Toto Wolff? Ecco i 1000 talenti del numero 1 Mercedes

Formula 1, Lewis Hamilton attende l’esito dell’indagine FIA?

Anche se non manca poi molto al primo test del 21-25 febbraio a Barcellona, continuano a giungere indiscrezioni che danno ancora per incerta la partecipazione di Lewis Hamilton al Mondiale di Formula 1 2022. In particolare in Inghilterra, patria del pilota, non sono affatto sicuri che sarà sulla griglia di partenza.

Il giornalista Craig Slater di Sky Sports UK riferisce che non è ancora chiaro se Hamilton ci sarà al via della prossima stagione di F1. Lui e la Mercedes stanno attendendo l’esito dell’indagine che la FIA aveva avviato sui fatti di Abu Dhabi. La scuderia di Bracley nell’immediato post gara aveva presentato dei reclami contro le decisioni di Michael Masi, ma sono stati tutti respinti. Avrebbe avuto la possibilità di presentare ricorso al Tribunale d’Appello di Parigi, però poi ha desistito.

Ora la Mercedes si aspetta segnali tangibili dall’investigazione che la Federazione ha avviato dopo il GP di Abu Dhabi. Il futuro di Hamilton potrebbe dipendere proprio da essa. Il team principal Toto Wolff e tutti nella squadra anglo-tedesca sono convinti che nel finale della gara di Yas Marina non sia stato rispettato il regolamento e che di conseguenza Lewis sia stato derubato di un titolo.

Anche Andrew Benson della BBC scrive che Hamilton deciderà in base al risultato dell’indagine della FIA. Dalla Mercedes intanto è giunta la smentita sul fatto di non aver presentato ricorso al Tribunale di Parigi in cambio della cacciata di Masi. La decisione è stata presa dopo aver avuto rassicurazioni sul fatto che la Federazione avrebbe investigato seriamente sull’epilogo di Abu Dhabi e avrebbe poi preso le giuste decisioni.

Intanto Masi, come Nikolas Tombazis (responsabile tecnico F1), non risulta inserito al momento nel nuovo organigramma pubblicato dalla FIA. Questo potrebbe essere un segnale importante. Vedremo. È possibile che qualcosa venga annunciato entro il 3 febbraio, quando ci sarà la prossima riunione del World Motor Sport Council. Non rimane che attendere.