Marco Melandri, critiche sui social network: lo sfogo dell’ex pilota

Melandri da settimane è protagonista delle discussioni riguardanti il Green Pass, al quale si oppone con fermezza e anche rabbia.

Marco Melandri
Marco Melandri (foto Getty Images)

Marco Melandri è il pilota italiano con più vittorie di gara nel Mondiale Superbike, ma non ha mai vinto il titolo. Ci è andato molto vicino con BMW, salvo poi veder svanire il suo sogno nel finale del campionato 2012. Il suo unico trionfo iridato rimane quello in 250 nel 2002.

Ha lasciato definitivamente le corse nel 2020, dopo essere uscito dal ritiro annunciato al termine dell’anno prima per darsi un’ultima chance con la Ducati del Barni Racing Team. Le cose non sono andate bene e ha preferito dedicarsi ad altre passioni extra pista. Si allena spesso in mountain bike. Più volte ha pubblicato foto e video che lo mostrano impegnato nei boschi del Trentino, dove vive con la compagna Manuela e la figlia.

Valentino Rossi, niente Ducati VR46 nel 2022: la spiegazione del Dottore

Marco Melandri ancora all’attacco sul Green Pass

In queste settimane Melandri ha fatto parlare di sé anche per la sua netta posizione contraria sia al vaccino anti-Covid che al Green Pass. Le sue parole hanno creato tante discussioni. C’è chi è d’accordo con lui e chi invece lo critica. D’altronde, si tratta di tematiche che stanno abbastanza dividendo l’opinione pubblica in Italia e non solo.

Circa una settimana fa l’ex pilota ha annunciato la sua positività al Covid, dovuta a un contatto con una persona che aveva fatto due dosi di vaccino. Suoi suoi profili social ha scritto uno sfogo nel quale ha ribadito le proprie idee sul Green Pass: «I nostri diritti non esistono più. Se fate i bravi vi lasciano una carta verde dove avete il “beneficio” di poter lavorare e di poter studiare. Stiamo scherzando?».

In seguito ha anche menzionato le critiche che ha ricevuto in queste settimane esponendosi contro il Green Pass: «Sono stato etichettato come Complottista, No Siringa, Terrapiattista. Non sono nulla di tutto questo, sono per la libertà di scelta, come la costituzione vorrebbe».

Melandri ha una posizione chiara e ha trovato diversi riscontri positivi in merito, anche se ovviamente non manca chi la vede diversamente e commenta in modo negativo il suo pensiero. Lui comunque non si preoccupa degli attacchi e va avanti per la sua strada: «Sarò sempre libero. Quando la sera mi guardo allo specchio non ho niente da recriminarmi e posso dormire sonni tranquilli».

L’ex rider MotoGP e Superbike ha non indietreggia dalla sua posizione e non mancherà di esprimerla nuovamente in futuro. La cosa che tutti si augurano, lui compreso, è che al più presto si possa tornare a una vita normale e che il Covid non condizioni più le vite delle persone oltre che l’agenda politica.