Marc Marquez getta la spugna: parole che sanno di resa

Marc Marquez è finalmente tornato in sella alla sua Honda in questa stagione, ma ormai sembra già tagliato fuori dalla grande lotta al titolo.

Le ultime due stagioni di MotoGP sono state estremamente condizionate dall’assenza di Marc Marquez, dato che lo spagnolo ha dovuto convivere con grossi problemi legati alla sua spalla ballerina che non aveva la minima intenzione di dargli tregua, ma in questo Mondiale è finalmente riuscito a tornare da inizio anno nonostante i risultati in questo momento siano estremamente deludenti ed è difficile pensare a una lotta al titolo.

Marc Marquez MotoGP (Ansa Foto)
Marc Marquez MotoGP (Ansa Foto)

Marc Marquez è sicuramente il più grande pilota della sua generazione, quella che è venuta subito dopo i Rossi, gli Stoner e i Lorenzo, con lo spagnolo che ha dimostrato fin da subito di poter tenere testa a questi giganti assoluti delle due ruote e nel tempo è stato in grado a tutti gli effetti di crearsi un nome molto ambito e apprezzato nel mondo.

Lo spagnolo ha dovuto però vivere dei momenti molto complicati negli ultimi anni, tanto è vero che è rimasto praticamente lontano dalle piste per due anni, dovendo convivere con dei gravissimi problemi alla spalla che lo hanno portato a una lunghissima riabilitazione molto dolorosa e faticosa.

Quest’anno c’era grande fiducia nella sua Honda, ma in realtà i risultati non stanno arrivando, con la moto che è sempre ben distante dalle prime posizioni e con un nono posto in classifica generale che rispecchia perfettamente il suo andamento molto negativo nel campionato piloti.

“Ho dovuto vivere entrambi i lati dello sport, quello dei successi e quello degli infortuni e, quindi, il percorso di miglioramento. Negli anni buoni la pressione c’era e la condiziona, ma ci sono riuscita bene. Ora, è una pressione diversa perché tutti si aspettano che torni, ma non c’è bisogno di avere fretta. Molte cose non si possono dire e devi assumerle e gestirle, devi andare a poco a poco”.

Con queste parole si è espresso ai microfoni degli organizzatori dei premi Maria de Villota e Ciudad de la Raqueta, con Marquez che ha così messo in chiaro come per lui questa stagione sarà lunga e complicata.

Marquez sarà pronto per il ritorno nella lotta al vertice?

Secondo lo spagnolo comunque c’è ancora una possibilità per poter lottare al titolo, forse anche per il fatto che là in alto si sta andando davvero molto piano, con il francese Fabio Quartararo che è solamente a 45 punti di distanza da Marquez e con un Mondiale ancora così lungo nulla è impossibile.

“Quest’anno la vittoria del Mondiale era e continua ad essere l’obiettivo o il sogno, ma bisogna essere realistici. Stiamo migliorando e progredendo e l’importante è la motivazione. Ogni giorno è una sfida e ora la sfida è superare questi due anni di infortuni, quindi è superare questi momenti e tornare a competere per tutto”.

Dunque il processo per tornare a essere uno dei grandi numeri uno del motociclismo mondiale, se non il numero uno assoluto, è ancora molto lungo e tortuoso e non potrebbe essere altrimenti considerando infatti come lui abbia bisogno di tempo per rientrare.

Gli infortuni ora però sono un ricordo e dunque non vediamo davvero l’ora di rivedere al massimo della forma un campionissimo come Marc Marquez.