Michael Schumacher, la bugia che gli ha cambiato la carriera

Non tutti sanno in che modo ha esordito in F1, Michael Schumacher: 30 anni fa non si poteva consultare internet e questo cambiò tutto.

Michael Schumacher (Instagram)
Michael Schumacher (Instagram)

Cosa vi dice la data, 25 agosto del 1991? Se siete fan sfegatati di Michael Schumacher, probabilmente qualcosa di molto bello. Più di trent’anni fa, infatti, il tedesco che poi avrebbe vinto sette Mondiali, esordiva in F1, con la Jordan.

Non tutti però sanno che il suo primo ingresso in pista, è legato ad una storia che oggi è davvero divertente, ma che effettivamente, include una vera e propria furbata. Se è vero che la Ferrari è sempre stata nel destino di Schumi, sicuramente lo era anche la Formula1. Successe tutto in fretta e per caso.

L’esordio di Michael Schumacher e la bugia a fin di bene

Quanto c’è del fato in questa storia? Davvero molto. Effettivamente, Schumacher si stava già facendo conoscere nelle categorie inferiori e molto probabilmente, le piste dei “grandi” sarebbero arrivate presto, ma non così presto. E chissà se poi tutto, sarebbe andato proprio così. Infatti, il suo esordio fu legato ad un improvviso forfait di Bertrand Gachot per problemi con la legge.

Dopo l’arresto del pilota in Inghilterra, la Jordan aveva pochi giorni per scegliere chi inserire nella sua seconda monoposto, per correre a Spa-Francorchamps. E qui, nasce uno dei simpatici aneddoti della carriera di Michael Schumacher. Eddie Jordan infatti, non si fece convincere solo dalla bravura del tedesco. Ecco cosa avvenne.

LEGGI ANCHE>>> Come sta Michael Schumacher? Jean Todt vuota il sacco

Le storie dei più grandi dello sport spesso, si uniscono un po’ di magia, ed ecco un racconto diventato leggenda. Il proprietario della Jordan infatti, ascoltò l’allora manager del pilota tedesco, Will Weber, che riuscì così a sbaragliare la concorrenza. Disse infatti che il suo assistito conosceva già alla perfezione il circuito belga, per avervi corso in passato in categorie minori. Cosa non vera. Probabilmente, Schumi seppe soltanto dopo che il suo manager aveva raccontato quella bugia, ma sta di fatto che tutti al momento gli dovettero credere, visto che il tedesco alle Qualifiche fu fenomenale, facendo il settimo posto. Purtroppo però in Gara, la frizione dell’auto si ruppe dopo pochi giri e così, il primo GP di Schumacher terminò con un ritiro.