Tony Cairoli minacciato di morte: cosa sta succedendo

Il pilota italiano di motocross, Tony Cairoli, ha ricevuto pesanti accuse, addirittura minacce di morte per una posizione ceduta nella seconda corsa a Pietramurata.

Tony Cairoli (Getty Images)Tony Cairoli (Getty Images)
Tony Cairoli (Getty Images)

Il clima in MXGP sta diventando rovente a causa della clamorosa lotta al vertice della classifica mondiale. Tre piloti racchiusi in quattro punti si stanno dando battaglia sui campi di motocross in una sfida senza esclusioni di colpi. Il campione del mondo MXGP nella stagione 2015 Romain Febvre è al vertice della graduatoria con 614 punti, davanti a Tim Gajser a quota 613 e Jeffrey Herlings, a soli due punti di distanza.

In questo pandemonio, Tony Cairoli occupa il quinto posto in classifica, non avendo più alcuna possibilità di vincere il suo decimo titolo mondiale. Il siciliano, rientrato dopo l’ennesimo infortunio, sta cercando di completare al meglio la sua ultima stagione. Il campione, infatti, ha dichiarato di voler chiudere la sua carriera al termine di questa annata. Le prossime saranno le ultime battaglie del trentasettenne di Patti.

Il pilota della KTM sta cercando di aiutare il team e Jeffrey Herlings in questo finale di stagione. Il campione del mondo attuale Tim Gajser non ha apprezzato l’atteggiamento di Tony. Il forte pilota sloveno si è lamentato del gioco di squadra avvenuto a Pietramurata. Il siciliano, infatti, ha ceduto il quarto posto ad Herlings per sostenerlo nella sua corsa alla corona iridata. L’olandese, dopo la gara, ha voluto esprimere gratitudine al pilota italiano. “Vorrei innanzitutto ringraziare la mia squadra e soprattutto il più grande di tutti i tempi, Antonio Cairoli, per il supporto”, ha dichiarato Jeffrey.

Le dichiarazioni shock di Tony Cairoli

Il campionato MXGP terminerà in Italia nella città di Mantova. In Lombardia si chiuderà l’avventura di uno dei più grandi campioni della storia del motocross. Cairoli in carriera ha vinto 94 gare su 276 appuntamenti disputati. Il centauro è salito per ben 178 volte sul podio e si è portato a casa 9 titoli iridati. Un cammino da assoluta leggenda del motorsport. In questo finale di carriera, falcidiato dagli infortuni, l’esperto pilota siciliano sta cercando, con il cuore, di ricambiare quanto la KTM gli ha dato nel corso degli ultimi dodici anni.

LEGGI ANCHE >>> Marc Marquez obiettivo fissato per il 2022: parole inaspettate

Il gesto in favore del compagno Herlings ha mandato su tutte le furie i tifosi del campione sloveno. Tim Gajser è in lotta per riconfermarsi anche nel 2021 e i punti guadagnati da Jeffrey Herlings, grazie all’aiuto di Cairoli, potrebbero risultare determinanti in chiave mondiale. Tony Cairoli ha lanciato un messaggio toccante: “Sono felice della mia performance, ma non del risultato. In alcune situazioni devi rispettare l’ordine stabilito e aiutare il tuo compagno di squadra. Qualsiasi marchio lo avrebbe fatto se avesse avuto un teammate in lotta per il titolo mondiale. Alle persone che mi mandano minacce di morte vorrei rispondere: non me lo merito. Mi comporto sempre come un vero gentiluomo dentro e fuori la pista”.