Bastianini ora ha un obiettivo in testa: può essere il migliore della MotoGP

Il pilota della Ducati, Enea Bastianini, è scattato dalla sedicesima posizione in griglia ed è stato autore di una gara perfetta. Il riminese ha chiuso sul podio.

Enea Bastianini (Getty Images)
Enea Bastianini (Getty Images)

Il campione del mondo 2020 della Moto2, Enea Bastianini, si è ripetuto ancora una volta sul tracciato intitolato a Marco Simoncelli. Enea Bastianini, qualche settimana fa, aveva ottenuto un terzo posto spettacolare a Misano. Il pilota della Ducati del team privato Esponsorama Racing, quest’oggi, è scattato dalla sedicesima posizione, alle spalle di Fabio Quartararo.

Dopo una prima fase di gara dove il centauro italiano è rimasto imbottigliato nel traffico, il ducatista ha ingranato un ritmo indiavolato. Per tutta la corsa Enea è riuscito a seguire il neo campione del mondo Quartararo in una rimonta strepitosa.

Nelle ultime battute della corsa la caduta di Pecco Bagnaia e dei piloti avanti ha aperto le porte del podio a Enea, non prima di un attacco epico al pilota francese della Yamaha. Bastianini ha sorpreso il neo campione del mondo con un sorpasso millimetrico ed è riuscito a tenersi la terza posizione sino alla bandiera a scacchi.

L’orgoglio di Enea Bastianini

“All’inizio non riuscivo a guidare perché mi si era scaldata la gomma e giro dopo giro ho preso ritmo”, ha spiegato il pilota riminese a Sky Sport.

Enea non ha mai mollato ed è riuscito a salire per la seconda volta in stagione sul terzo gradino del podio di Misano. L’italiano meriterebbe una moto ufficiale per quello che ha dimostrato nella sua prima stagione di MotoGP.

LEGGI ANCHE >>> MotoGP, botto clamoroso a Misano di Pecco Bagnaia (VIDEO)

“Un bel ritmo finale mi ha consentito di arrivare sul podio. Fabio spingeva forte, ma sono riuscito a superarlo. Abbiamo fatto una ottima gara. Il tempo nelle prove non mi ha aiutato, ma cambieremo qualcosa in futuro. Portimao è una pista che mi piace molto”, ha concluso Bastianini. A questo punto l’italiano si candida prepotentemente per il titolo di Rookie of the Year in MotoGP.