Valentino Rossi non vuole fare la “fine” di Schumacher: “Non farò come lui”

Dopo le prove libere del GP di Austin, Valentino Rossi ha analizzato il presente, facendo una importante previsione sulla sua futura carriera.

Valentino Rossi (Instagram)
Valentino Rossi (Instagram)

La MotoGp fa tappa in America, sul circuito delle Americhe in Texas. Valentino Rossi non ha iniziato bene il weekend negli Stati Uniti, classificandosi al penultimo posto nelle prime prove libere, riuscendo a strappare il diciassettesimo tempo nella seconda sessione.

Il centauro di Tavullia ha fatto una clamorosa fatica anche a causa delle pessime condizioni dell’asfalto di Austin. Valentino Rossi, al riguardo, ha dichiarato: “In America le piste sono più ‘bucate’ rispetto a quelle europee, è difficile guidare ed andare al limite. La curva 10 è pericolosa, la situazione è peggiore rispetto al 2019. Eppure, ci avevano assicurato che i problemi delle buche erano stati risolti”.

Il COTA, Circuit of the Americas, è stato definito da molti piloti un tracciato più adatto al motocross che ai bolidi della MotoGP. Indignati i grandi protagonisti della stagione che hanno manifestato la loro preoccupazione per le buche. Il rischio che possano accadere gravi incidenti è troppo elevato.

La situazione era complicata già nel 2019 – ha spiegato Valentino Rossi – avevamo chiesto che fossero migliorate alcune curve. Da quanto ho visto la 16-17-18 sono venute bene, ma dalle altre parti la situazione è peggiorata. La curva 10 è pericolosa, si salta perché ci sono troppe buche. È difficile guidare, devi solo tenere stretta la moto. È complicato anche prendere il ritmo e andare al limite”.

Ad eccezione di Fabio Quartararo (terzo nelle PL2), le Yamaha sono apparse in grande difficoltà. Valentino Rossi ha fatto chiarezza sullo scarso feeling di quest’anno.

“Sono lento e non so perché. Qui nel 2019 mi sono giocato la vittoria con Rins – ha ricordato il 9 volte campione del mondo – mi trovavo meglio a guidare. Ora faccio più fatica e sono più in difficoltà con la moto, facevo anche le curve più veloci”.

Condizioni complesse che “the doctor” si augura, però, migliori in vista della gara di domenica. “Anche in safety commission abbiamo parlato tanto di Austin – ha aggiunto Vale – è una pista che piace a tutti ma che ha il problema di buche. Ci avevano assicurato che avrebbero risolto e anche parlando di questo argomento qualche mese fa, sembrava avessero risolto. Invece la realtà è che è peggio del 2019. Sono andato piano sia sull’asciutto che sul bagnato, ma con la pioggia siamo tutti lenti. Speriamo nel sole sia sabato che domenica“.

Valentino Rossi, la previsione sul suo futuro

Valentino Rossi (Fonte foto: Instagram Rossi)

Dopo aver annunciato il ritiro al termine dell’annata 2021, Valentino Rossi ha parlato spesso di sfide in altre competizioni motoristiche. Si è vociferato di un futuro sulle quattro ruote per il n.46, ma su una cosa Vale sembra avere già le idee molto chiare.

LEGGI ANCHE>>> Valentino Rossi tuona sul GP di Austin: cosa non va per il Dottore?

“Non tornerò dal ritiro come ha fatto Michael Schumacher. Ho cercato di correre fino a quando ne avevo, quindi non penso che tornerò”, ha chiosato Rossi.