Ferrari, 28 esemplari tutti insieme: pronta mega-asta a Parigi

Un’asta veramente pazzesca: ecco le 28 Ferrari d’epoca che saranno vendute a febbraio al The Petitjean Collection ”Part II”.

Ferrari (AdobeStock)
Ferrari (AdobeStock)

Per gli appassionati d’auto e soprattutto amanti della Ferrari, quella della casa d’aste, RM Sotheby’s è davvero una galleria che fa innamorare. Per chi volesse vedere ben ventotto pezzi d’epoca, tutti col marchio del cavallino, la galleria però non sarà in Italia, ma bisognerà recarsi altrove.

La casa d’aste infatti, a Parigi, il 2 febbraio 2022, promuoverà all’interno della settimana Retromobile, l’asta che prende il nome di The Petitjean Collection ”Part II”. Bellissime, ovviamente, tutte le auto messe a disposizione di chi volesse comprare, e tutte appartenute al pilota Marcel Petitjean, che dà il nome all’evento.

Le Ferrari che troviamo al The Petitjean Collection

E chissà che non vorrà comprarne una, anche il protagonista di una singolare vicenda, entrato in concessionaria per chiedere una Ferrari e per questo, deriso. Sicuramente non resterà a mani vuote, il pilota che a quanto pare possiede più Ferrari che altro. La casa d’aste infatti, alla prima edizione, riuscì a vendere ben 97 pezzi. Tutti rigorosamente col cavallino.

Questo secondo lotto, a leggere il numero precedente, pare addirittura lasciare poca scelta, eppure ventotto Ferrari non sono mica poche. Iniziando tra l’altro, da una vera opera d’arte, perché in vendita stavolta, c’è anche una Ferrari F310 del 1996. All’epoca in Ferrari c’erano Schumacher ed Irvine e questa è una riproduzione di quelle con cui correva il tedesco, con un bel numero 1 ben visibile al centro.

Ferrari, salta l’arrivo di Jean Todt? Un indizio spegna la speranza

Ma per chi volesse acquistare per fare almeno un giro in strada? Ci sono una Ferrari 288 GTO del 1985, la 275 GTB/4 del 1966, con numero di telaio: 09021 che testimonia di cosa parliamo. Ovvero, la prima 275 GTB/4 a quattro camme di produzione degli unici 330 esemplari mai costruiti. Un altro pezzo pregiato, è la 250 GT Serie II Cabriolet. Si vende in colore grigio, ed è uno degli unici 201 esemplari costruiti tra il 1959 e il 1962. Questa, è un’auto del primissimo anno di produzione, la stima è tra 850.000 euro e 1,1 milioni di euro.

A seguire, la lista delle bellissime auto che si trovano alla collezione che verrà presentata in Francia:

Ferrari 250 GT Serie II Cabriolet di Pinin Farina del 1959 –  Ferrari 250 GTE 2+2 Serie III di Pininfarina del 1963 – Ferrari 330 GT 2+2 Serie I di Pininfarina del 1964 – Ferrari 250 GT/L Berlinetta Lusso di Scaglietti del 1964 – Ferrari 275 GTB/4 del 1966 di Scaglietti – 1966 Ferrari 330 GT 2+2 Serie II di Pininfarina – Ferrari 365 GT 2+2 del 1968 di Pininfarina -Ferrari 330 GTC del 1968 di Pininfarina – Ferrari 365 GTC/4 del 1972 di Pininfarina – Ferrari 365 GTB/4 Daytona Berlinetta del 1973 di Scaglietti – 1975 Ferrari Dino 308 GT4 di Bertone – Ferrari 365 GT4 BB del 1975 – Ferrari Dino 208 GT4 del 1975 – 1976 Ferrari 365 GT4 2+2 di Pininfarina – 1977 Ferrari 308 GTB ”Vetroresina” di Scaglietti – Ferrari 308 GTB del 1978 di Scaglietti, con tetto firmato da Michael Schumacher – Ferrari 308 GTS del 1978 – Ferrari 512 BB del 1978 – Ferrari 308 GTS del 1979 – 1982 Ferrari 308 GTSi ”Progetto” – Ferrari 308 GTB Quattrovalvole del 1984 – Ferrari 400i del 1984 – Ferrari 288 GTO del 1985 – Ferrari Testarossa ‘Monospecchio’ del 1986 – Ferrari GTB Turbo del 1986 – Ferrari 328 GTS del 1987 – Ferrari Mondial 3.2 Cabriolet del 1987 – Ferrari Mondial T Coupé del 1989 – Monoposto da esposizione Ferrari F310 del 1996.