Quanto ha perso il calcio europeo con il Covid? Si parla di miliardi

Quanto ha perso in termini economici il calcio con il Covid? Le top 5 leghe europee tantissimo, più di tutti, proprio la Serie A

Un Real Madrid-Barcellona senza pubblico (Fonte foto: Getty Images)

Secondo la Annual Review of Football Finance di Deloitte, il calcio europeo nella stagione 2019/20, ha perso ricavi per 3,7 miliardi di euro. Potrebbe non essere un caso che proprio al termine della scorsa stagione, alcune squadre abbiano provato a creare la Super Lega, progetto poi messo in stand-by.

Dalla crisi finanziaria che colpì anche questo sport, nel cammino della stagione 2008/09, non si vedevano perdite simili per il calcio. Una contrazione del 13%, con le migliori leghe del calcio europeo a perdere ricavi per l’11%.

LEGGI ANCHE>>> Dazn, i dubbi dei tifosi: quanto pagheremo per vedere la Serie A?

Tradotto, significa che i cinque campionati più seguiti del continente sono passati dai 17 miliardi pre pandemia, a 15,1. Le leghe, per chi non avesse già immaginato di cosa si parla nello specifico, sono: Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1 e Serie A; dove però i calciatori continuano a godere di ottimi compensi. La Premier League, non vedeva un calo così alto dalla stagione 2015/16, con i costi salariali che invece salgono. Il debito netto cumulativo dei club della Premier League ora è di 4 miliardi di sterline.

LEGGI ANCHE>>> Calcio e Green Pass: e se la Serie A slittasse?

Nella sfortuna, sorride invece la Bundes. Tra le migliori leghe europee è quella che ha perso di meno, soltanto 137 milioni di euro persi rispetto all’anno prima. Pur essendo stato il secondo campionato per ricavi, proprio dietro quello tedesco, non sorride invece la Liga spagnola. Per loro, ha fatto la differenza la perdita dell’8% nelle entrate.

Ma chi ha avuto una vera “botta” è proprio la Serie A. Sempre di tendenza, il calcio italiano ha registrato 2,1 miliardi di ricavi, ma ha perso rispetto alla stagione precedente, un 18%. Persino la Ligue 1, che ha fermato la stagione con dieci giornate d’anticipo, ci ha perso di meno, il 16%. Ora, ci si augura un graduale rientro dei tifosi negli stadi, sia perché gli incassi dei biglietti sono già un’entrata pesante, sia per invogliare le tv con le riprese di stadi pieni, a continuare a fare offerte non basse alle varie leghe.