Problemi per il mondo del Gioco: mancano 700 milioni di euro

Grazie al Gioco, nelle casse dello Stato ogni anno entrano diversi milioni di euro, ma la pandemia ha creato un “buco” molto profondo

Soldi
Soldi (Fonte foto: Adobe)

Il Covid-19 non ha messo nei guai soltanto le casse delle imprese e quelle dei privati. Infatti, in “down” ci finisce anche lo Stato. Le problamatiche nascono su molti fronti, tra cui anche il mondo del Gioco. Purtroppo i vari lockdown e forse anche un po’ di timore che ad oggi investe milioni di persone, non consentono ancora i soliti “affollamenti” nelle sale dedicate.

L’Italia, ha visto riaprire sale e casinò soltanto a giugno, quindi per ora non è facile tirare le somme: quelle davvero preoccupanti però, riguardano gli ultimi mesi. Lotto, ed altri Giochi e lotterie, sono valse allo Stato ad oggi, 1,1 miliardi di euro, mentre nei primi mesi del 2020 erano entrati 1,9 miliardi di euro circa. A conti fatti, mancano per l’esattezza, 747 milioni.

LEGGI ANCHE>>> AttivazioniGratuite.it riapre i servizi: il ritorno del gioco legale

Questi, i dati pubblicati dal Ministero dell’Economia, e redatti dal Conto Riassuntivo del Tesoro, a maggio 2021. All’interno, conteggiati gli incassi lordi del Lotto. A perdere molto, proprio a causa delle prolungate chiusure, le entrate di Slot e Vlt, 368 milioni di euro in entrata, molto poco se messi in raffronto con i primi cinque mesi di un solo anno prima. Nel 2020 infatti, erano 1,3 miliardi: il 73,1% in meno. Ad entrare nelle casse statali, 497 milioni dal Lotto, 103,2 milioni da attività di Gioco, 130,8 milioni per l’imposta unica sui Giochi, 25,5 milioni infine, dal diritto fisso erariale su concorsi e pronostici.

LEGGI ANCHE>>> Il Covid ha inciso sulle truffe sul web: cifre impressionanti

Ad aggiungersi poi, ci sono i 993mila euro, inerenti i versamenti di somme da parte dei concessionari di Slot e Vlt, che però vedono un -91,7% rispetto all’ultimo anno. Ed ancora, 795 milioni provengono da lotterie nazionali ad estrazione istantanea, più i 45 milioni entrati grazie agli ingressi dei canoni di concessione per la gestione della rete telematica relativa agli apparecchi di divertimento e intrattenimento, ed i giochi numerici con totalizzatore nazionale. Infine, ancora 279 milioni in ingresso per la ritenuta del 6% sulle vincite al Lotto.