Dramma Aguero: ecco per quanto tempo il Barcellona lo perde

Primo lungo stop per l’attaccante del Barcellona, Sergio Aguero, poi si valuteranno le sue condizioni: ecco cos’ha.

Sergio Aguero (Getty Images)
Sergio Aguero (Getty Images)

Nello scorso match, dove il Barcellona ha giocato e pareggiato contro l’Alaves in campionato, Sergio Aguero è stato costretto al cambio. Il calciatore argentino è infatti stato soccorso dopo uno stop richiesto da lui. Al momento del cambio, risultava leggermente stordito.

Questo, accadeva sabato scorso, al 41′ della gara. Al posto di Aguero, è entrato Coutinho e per l’argentino, si è partiti subito con gli accertamenti, visto che quella sua condizione fisica destava preoccupazioni. Ebbene, l’attaccante che ha raccontato già un altro suo dramma, ora rischia un lungo stop.

Il dramma per Sergio Aguero

I problemi riscontrati dal ragazzo in campo, sembra siano già stati accertati in diverse fasi della vita dello stesso Kun Aguero. Le condizioni dell’attaccante, hanno sin da subito spaventato tutti i presenti, visto che era evidente che il calciatore non avesse subito nessun contrasto, eppure si era fatto portar via da un’ambulanza.

Il tecnico Sergi che intanto sta sostituendo l’esonerato Koeman, in attesa che qualcuno accetti la panchina, ha spiegato quei momenti di concitazione: “Aguero mi ha detto che era un po’ stordito. Ho scoperto ora che l’hanno portato in ospedale per vedere cosa abbia veramente. Non so altro”.

LEGGI ANCHE>>> Vidal, che sorpresa: la sua nuova auto stupisce tutti (VIDEO)

Ora una cosa è certa, il Barcellona dovrà attendere il proprio attaccante. E per almeno tre mesi. Tanto il tempo che ci vorrà per ulteriori accertamenti sulla sua aritmia cardiaca. Gli stessi Blaugrana, scrivono così nel comunicato ufficiale, arrivato nelle scorse ore: “Il giocatore della prima squadra Kun Aguero è stato sottoposto ad un procedimento diagnostico e terapeutico a carico del Dr. Josep Brugada. Per i prossimi tre mesi sarà valutata l’efficacia del trattamento che determinerà il suo processo di guarigione”.