Valentino Rossi, parole da brividi: non ha lasciato veramente la MotoGP?

Lo storico collaboratore di Valentino Rossi, Alberto Tebaldi, ha speso parole bellissime per il Dottore dopo il suo ritiro dalla MotoGP.

Valentino Rossi (Getty Images)
Valentino Rossi (Getty Images)

A Valencia si è chiusa un’era per la MotoGP. Valentino Rossi ha corso l’ultima gara della sua vita, concludendo il Gran Premio in decima posizione. La carriera del Dottore è costellata di successi e traguardi prestigiosi. E’ l’unico pilota al mondo ad aver vinto in tutte le classi del motomondiale ed ha cambiato, radicalmente, questo sport.

Valentino Rossi ha avvicinato al motomondiale milioni di fan in tutto il mondo. Tanti giovani piloti che oggi corrono in MotoGP devono a Vale l’interesse per due ruote. Un uomo generoso che ha sempre aiutato tanti ragazzi a trovare una collocazione in un motorsport che negli anni è diventato sempre più costoso. Pecco Bagnaia e Franco Morbidelli, rispettivamente nei team ufficiali di Ducati e Yamaha in MotoGP, sono stati lanciati dall’Academy del pesarese.

La squadra VR46 si allargherà il prossimo anno con una flotta di quattro team. In Moto3 saranno lanciati giovanissime promesse, mentre in Moto2 Valentino ha deciso di raddoppiare con ben due squadre e quattro moto in pista. Nel 2022 ci sarà spazio anche nella classe regina con Marco Bezzecchi e Luca Marini che salteranno in sella alle Ducati.

Valentino Rossi raccontato da Tebaldi

L’AD della VR46 e braccio destro da una vita di Rossi, Alberto Tebaldi, si è gustato al massimo la carriera del nove volte campione del mondo. “Ci sono tante emozioni contrastanti, ma soprattutto gioia e orgoglio di essere stati partecipi di questa storia sportiva incredibile – ha dichiarato Tebaldi – Vale ha una visione sempre proiettata al futuro. Oltre quello che ha fatto sotto il profilo sportivo e imprenditoriale, l’aspetto in più è che ci ha fatto divertire tanto. E questo è un suo grande pregio”.

L’amicizia che lega Alberto Tebaldi e Valentino Rossi è cominciata ad inizi anni ’90. “Intorno al 93-94 partivamo il giovedì per assistere al GP del Mugello, un gruppo di appassionati. L’ho conosciuto così in cima al Muraglione, io ero con una Ducati, lui con uno zip ed era mostruosamente veloce, con il sorriso. Da allora siamo diventati amici fraterni. Ne abbiamo fatta tanta di strada“.

LEGGI ANCHE >>> Valentino Rossi farà pace con Marquez? La risposta non lascia dubbi

L’affetto che Alberto prova per Valentino Rossi è immenso. Insieme ad Uccio hanno costituito una triade che ha regalato emozioni e potrebbe concedere altre soddisfazioni in futuro. Il progetto dell’Academy del pesarese ha già dato i suoi primi frutti e tanti altri campioni nasceranno in futuro. Tebaldi è molto riconoscente per quello che Vale ha fatto per lui in quasi trent’anni di amicizia. “Ha una grande generosità sportiva, nessuno durante la sua carriera ha dato tutto ad altri come ha fatto lui. Lascia una grande eredità, quindi è come se non lasciasse questo sport, ha lasciato tanto di lui e continuerà a dare tantissimo”, ha chiosato il braccio destro del Dottore.