Valentino Rossi e lo sgarro di Marquez: “Mai vista una cosa così”

Valentino Rossi è stato intervistato da “Le Iene”, ripercorrendo la propria carriera e dando qualche indizio sul nome della figlia.

Valentino Rossi (GettyImages)
Valentino Rossi (GettyImages)

Il sipario sulla carriera del grande ed unico Valentino Rossi sta per calare. Il pilota di Tavullia ha disputato domenica scorso l’ultimo gara italiana della sua carriera nel Motomondiale, chiudendo al decimo posto nel Gran Premio dell’Emilia Romagna disputato a Misano.

Si tratta di uno dei migliori piazzamenti in questa difficile stagione in sella alla Yamaha Petronas. I risultati non troppo esaltanti lo hanno spinto a dire addio, annunciandolo nel corso dell’estate in una conferenza stampa effettuata in Austria, al Red Bull Ring. Si è trattato di un vero e proprio colpo al cuore per tutti i suoi tifosi, ma conoscendo la passione di Valentino stesso per il mondo delle corse, dev’essere stata dura anche per lui.

La carriera del “Dottore” è stata entusiasmante, con i primi titoli mondiali arrivati nel 1997 e 1999, in 125 e 250. Nel 2001 ha ottenuto il primo titolo in Classe 500, l’ultimo a riuscirci prima che la categoria cambiasse nome in MotoGP. L’impresa più grande della sua vita resta l’aver accettato la proposta di Davide Brivio e della Yamaha, portandolo a lasciare la dominante Honda con la quale era stato imprendibile sino al 2003.

Non altrettanto positiva la sua avventura in Ducati, visto che nel 2011 e 2012 sono arrivati solo tre podi, in quelle che sono state le stagioni più nere in assoluto per la casa di Borgo Panigale. Il ritorno con la casa di Iwata lo ha visto tornare alla vittoria, sino a sfiorare addirittura un mondiale nel 2015. Il contestato finale di quella stagione a Valencia che vide il trionfo di Jorge Lorenzo resta impresso nella mente dei tifosi, ma il passato è passato.

Valentino Rossi, ecco come si chiamerà sua figlia

Intervistato al programma televisivo “Le Iene”, Valentino Rossi ha affrontato diverse tematiche interessanti, che vanno dal suo passato sino al prossimo futuro, che dopo il ritiro lo vedrà diventare papà per la prima volta. Il 18 agosto infatti, lui e la compagna, Francesca Maria Novello, hanno annunciato la dolce attesa.

Si tratta di una bambina, ma come si chiamerà? “A noi piacerebbe Vittoria, ma vedremo” – ha commentato il #46, restando comunque nel limbo. Uno dei momenti più brutti della sua carriera resta quello relativo a Valencia 2015, di cui Valentino non parla molto volentieri, non risparmiando una frecciatina a Marc Marquez.

Ho pessimi ricordi, la sfida con Jorge Lorenzo era molto accesa, ma Marquez si mise in mezzo. Non si era mai visto che un pilota corre con l’intenzione di far perdere un suo collega. Non me lo sarei mai aspettato onestamente, da allora iniziò a cambiare tutto”. Parole dure quelle del nove volte campione del mondo, ancora amareggiato dalla vicenda.

Come anticipato, il 14 novembre Valentino Rossi disputerà la sua ultima corsa in MotoGP, e per l’occasione è già stato annunciato il tutto esaurito sulle tribune. Il Motomondiale perderà il suo pilota simbolo, ed il futuro della categoria non sarà facile: “Quando sono arrivato questo era uno sport di nicchia, grazie a me in molti si sono appassionati alle moto. Da allora è diventato famoso e ne sono fiero, ora abbiamo anche tanti piloti italiani“.

Una grande passione di Valentino è sempre stata quella delle competizioni a quattro ruote. Tra il 2004 ed il 2008, il pilota della Yamaha disputò diversi test con la Ferrari di F1, e balenò l’idea, poi abbandonata, di entrare nel Circus dalla porta principale. I suoi tempi sul giro erano ottimi, ma preferì concentrarsi sulle moto.

LEGGI ANCHE >>> Dovizioso spiega dove Quartararo fa la differenza: ecco lui a cosa punterà

Ora il “Dottore” avrà molto tempo libero, e la sua intenzione è quella di concentrarsi in gare a ruote coperte, soprattutto nel GT: “Gareggerò con le Gran Turismo, specialmente in corse di durata (endurance, ndr,). Ora dovrò capire che campionato fare, ma diventare padre è la cosa più emozionante che mi potesse capitare“.