Vettel, torna in Red Bull? L’x boss della F1 lo invita a farlo

Sebastian Vettel ha vinto ben quattro titoli mondiali in F1. La sua carriera ha subito un arresto dopo l’arrivo in Ferrari ed Aston Martin.

Vettel (GettyImages)
Vettel (GettyImages)

La F1 moderna è stata dominata principalmente da due piloti: Lewis Hamilton e Sebastian Vettel, anche se l’ultimo campione del mondo è Max Verstappen, che ha riportato al top la Red Bull interrompendo il dominio della Mercedes. Il tedesco ha portato a casa ben quattro allori iridati, lasciando le briciole agli avversari tra il 2010 ed il 2013.

Il nativo di Heppenheim debuttò nel Circus nel 2007, sostituendo Robert Kubica sulla BMW al Gran Premio degli Stati Uniti di Indianapolis. Seb giunse subito a podio, e la Toro Rosso se lo assicurò per l’ultima parte di stagione. Proprio con il team di Faenza è arrivata la sua prima vittoria, firmata a Monza nel 2008. Si trattò del primo successo di un motore Ferrari montato su una monoposto diversa dalla rossa, fatto mai più accaduto da quel giorno.

Vettel è poi passato in Red Bull, dove ha scritto una pagina importante di storia di questo sport. Grazie al titolo vinto il 14 novembre del 2010 ad Abu Dhabi, Sebastian è ancora oggi il più giovane vincitore di un campionato del mondo nella massima serie, avendocela fatta a 23 anni e 4 mesi. Hamilton era stato meno precoce per appena 6 mesi, e si vide soffiato il primato dopo appena due anni.

F1, sconcertante rivelazione sulle monoposto 2022: sorprese in vista

Vettel, secondo Ecclestone deve tornare in Red Bull

Dopo aver dominato la scena anche nel 2011 e nel 2013, con un titolo vinto sul filo di lana contro la Ferrari di Fernando Alonso nel 2012, Sebastian Vettel accettò la chiamata del Cavallino, sostituendo proprio lo spagnolo. Il quattro volte iridato si era da sempre definito un grande amante della Scuderia modenese, e l’approdo a Maranello rappresentò un sogno che si era realizzato.

Così come per Nando, anche Sebastian giunse alla Ferrari in uno dei momenti peggiori dal punto di vista tecnico. Nel 2017 e nel 2018 ebbe a disposizioni due vetture molto competitivi, ma pur sempre inferiori alla Mercedes di Lewis Hamilton che infatti vinse i titoli con largo anticipo. Dopo la rottura del rapporto con la rossa, il pilota teutonico si è accasato in Aston Martin, con la quale ha vissuto una stagione molto complicata.

F1, Verstappen in netto ritardo su Hamilton: la statistica non gli dà scampo

Il contratto lega Vettel alla casa britannica per un’altra stagione, ma l’ex boss del Circus, Bernie Ecclestone, spera che un giorno possa tornare in Red Bull, come ha dichiarato a “Sport1.de“: “Non sappiamo quanto possa essere competitivo, visto che guida una vettura non molto veloce. Ha bisogno di ritornare alla Red Bull. Riguardo al suo ritiro, credo che quella sia una scelta che ogni pilota debba prendere quando se la sente. Nessuno dovrebbe dire che è arrivato al suo momento, è una decisione che spetta a lui“.