F1, Ferrari: torna lo storico sponsor, cambierà la livrea?

Una sorpresa per quanto riguarda la Scuderia Ferrari, che in F1 porta di nuovo un vecchio sponsor, ma non ne abbandona un altro.

Due gare sensazionali. È in questo modo che la Ferrari si è messa in 14 giorni, gli ultimi campionati alle spalle, facendo capire che il 2022, sarà diverso. Avvisati tutti, qualcuno inizia anche già a crederci, come Helmut Marko, che ha fatto capire che per adesso punta più sul cavallino che sulla Red Bull. In effetti, almeno per ora, non gli si può dar torto, con la Red Bull che non ha terminato la prima settimana, con almeno una vettura in pista.

Ferrari (ANSA)
Ferrari (ANSA)

Diversamente, Charles Leclerc nelle prime due prove dell’anno, ha portato a casa un primo e un secondo posto, mettendo in cascina ben 45 punti. E dietro di lui, c’è Carlos Sainz con 33. Il problema vero è che il Mondiale è appena iniziato e questi, sono risultati che fanno pensare con ottimismo, ma che non dicono nulla di definitivo, anche perché per ora, non si è svegliata la Mercedes. Ma fanno sicuramente capire che quest’anno la macchina è fatta per vincere, ed i due piloti del cavallino ci vogliono provare.

F1: ecco chi ritrova la Ferrari

Intanto, a quanto pare, la Rossa non ha neanche rinunciato ad un vecchio partner, che credevamo fosse “andato via”. Mesi fa avevamo ricevuto la notizia del ritorno di un partner molto importante per Ferrari, ma risultava che al contempo, un altro sponsor sarebbe andato via dopo anni. Ed in effetti così è stato, almeno dando uno sguardo alla livrea delle monoposto di Maranello.

Ma non è la F1-75, l’unica bacheca su cui si possono trovare tutte le scritte dedicate ai partner della scuderia. Infatti, se si entrasse nel sito della Scuderia Ferrari e si andassero a cercare gli sponsor, si noterebbe che tra una birra ed un sito di logistica, c’è ancora quel Mission Winnow, che non campeggia più su tute, cappellini e neanche sulla vettura, della Rossa.

Sappiamo che in realtà, questa non era altro che una sponsorizzazione legata alla Philip Morris International Inc., ma visto che le marche di tabacco sono bandite da anni dal mondo dei motori, si era trovato un modo per ricordare che esse, esistono comunque. Poi, da quest’anno, la separazione anche con questo sponsor, o almeno sembrava così. Invece, semplicemente le rosse hanno cambiato title sponsor, ma non hanno rinunciato a MW. Per adesso, il marchio però, si limita a restare sulla lavagnetta insieme agli altri mecenati, ma non ha quindi, cancellato tutti gli introiti per la scuderia.