Hamilton umiliato: “Sta mentendo, guardate cosa ha fatto”

Sarebbe un vestito ad incastrare il pilota inglese, Lewis Hamilton starebbe più bene del previsto, ecco chi lo ha detto.

Lewis Hamilton (Fonte foto: Instagram Hamilton)

Tutti abbiamo più volte visto le immagini dello scontro tra lui e Verstappen al GP di Monza, ma sembra che Hamilton esageri nel raccontare le sue condizioni. Parola di Helmut Marko. E così, dopo aver fatto un gran regalo ai tifosi, l’inglese potrebbe diventare di nuovo antipatico a tanti appassionati di F1, ma perché?

Per non confonderci intanto, capiamo da chi arrivano le accuse. Marko, è un ex pilota automobilistico austriaco, che in Formula 1 ha corso davvero poco, con la scuderia BRM, ma che è rimasto nel mondo dei motori. Oggi infatti, è consigliere esecutivo di Red Bull Racing.

Hamilton non avrebbe nessun problema

L’austriaco, ha parlato ai microfoni di N-Tv tedesca, puntando il dito contro il pilota inglese, reo di aver simulato dopo esser stato colpito, e questo lo abbiamo visto tutti, dalla Red Bull dell’avversario olandese. “L’incidente di certo non ha messo in pericolo la sua vita”, spiega il consigliere esecutivo.

Il 7 volte campione del mondo, dovrà fare i conti con la voglia di vincere di Verstappen e non solo, fino alla fine. E pensate che l’anno prossimo, anche le Ferrari torneranno ad essere pericolose, ecco come sarà la monoposto 2022. Continuando il discorso di Marko, ecco cosa diceva in tv: “Se ci fosse stato un forte dolore al collo o un problema, non sarei stato a New York il giorno dopo con l’abito divertente con cui si è presentata”.

LEGGI ANCHE>>> Lutto nella F1: se ne va un pilastro del motorsport italiano

Ad impressionare sicuramente l’ex pilota di Graz, un vestito singolare del pilota inglese, con tanto di camicetta trasparente e strascico di tulle fuori dai pantaloni con cui Hamilton si è presentato al Melt Gala. Ma l’uomo Red Bull sa anche che il loro pilota è spesso pericoloso in pista e confessa: “Da parte nostra, cerchiamo di influenzare Max in modo che ci sia rispetto reciproco e le collisioni dovrebbero essere evitate il più possibile. Ma sono piloti da corsa. Quando la visiera è abbassata, tutto ciò viene dimenticato”.