Tutti pazzi per Charles Leclerc: i due ex piloti lo incoronano

Charles Leclerc è ormai il grande volto della F1 del 2022 e i suoi risultati sono tali da esaltare anche ex piloti lontani dal mondo Ferrari.

Nessun tifoso della Ferrari, nemmeno il più ottimista, poteva immaginare un inizio di stagione così meraviglioso per la Rossa che sta letteralmente dominando la concorrenza senza lasciare il benché minimo spazio di replica ai rivali, con Charles Leclerc che sta mandando al mittente tutta una serie di critiche di perplessità sul proprio conto essendo riuscito a convincere anche colore che non hanno mai amato Maranello.

Charles Leclerc Ferrari (Ansa Foto)
Charles Leclerc Ferrari (Ansa Foto)

La Ferrari di questa stagione è davvero un bolide, anzi una “Bestia”, perché così ha voluto ribattezzarla lo stesso Leclerc al termine del Gran Premio d’Australia, il primo della carriera per lui nel quale ha dovuto gestire la gara dall’inizio alla fine dimostrando infatti un predominio tale da averlo reso ancora di più sicuro dei propri mezzi.

Che il giovane monegasco fosse un ragazzo dal talento sensazionale lo si era già intuito nel suo primo anno tra i grandi della F1 quando diede un margine impressionante di punti al compagno di squadra Ericsson, con un’Alfa Romeo non certo irresistibile e poi con la Ferrari ha iniziato a costruire una storia d’amore a dir poco favolosa.

Già nel primo anno è stato capace di detronizzare Sebastian Vettel dal ruolo di prima guida, ottenendo sempre più punti del tedesco in tutte e due le stagioni nelle quali i due hanno dovuto collaborare, con Charles che è riuscito a entrare nel cuore dei tifosi della Rossa riuscendo infatti a dare speranza anche nei momenti più difficili.

Nella scorsa stagione ha totalizzato meno punti rispetto a Carlos Sainz, ma è riuscito a raggiungere i livelli più epici e straordinari della macchina, ottenendo due impossibili Pole Position a Montecarlo e a Baku, oltre che a sfiorare la vittoria in occasione del GP di Silverstone, perso solo nelle ultime tornate con un indemoniato Lewis Hamilton.

Dunque a questo punto è chiaro come Leclerc abbia fatto il passaggio da giovane talento a campione affermato, ma la strada verso il primo titolo iridato della carriera è sicuramente ancora molto lunga e tortuosa, ma il classe 1997 sembra avere la giusta testa e concentrazione per poter continuare su questa strada e a promuoverlo sono stati anche piloti lontani dal mondo Ferrari.

“Charles Leclerc sta volando alto. All’interno della Scuderia, le gerarchie sono chiaramente stabilite all’inizio e sono sicuro che la Ferrari darà priorità a Charles il prima possibile in alcune situazioni”.

Con queste parole ha parlato a Sky Sport Germania Timo Glock, un pilota che non lascia dei grandi ricordi nella mente dei tifosi della Ferrari, ma che sembra voler sotterrare l’ascia di guerra per rendere omaggio a quello che è a tutti gli effetti uno dei piloti migliori in questo momento.

A fargli eco ci ha pensato anche Ralf Schumacher, un uomo che ha potuto essere accostato tante volte al mitico fratello Michael ma che non è mai stato in grado di compiere il grande salto di qualità e che ha promosso pienamente il giovane fenomeno della Ferrari dandogli i galloni come prima guida della Rossa.

Leclerc aveva dieci secondi di vantaggio ed è stato in grado di portare a casa la vittoria facilmente. Buona prestazione da parte sua. Peccato per il compagno di squadra Carlos Sainz, che per lui avrebbe sicuramente potuto essere in vantaggio, ma le qualifiche gli hanno reso difficile.”

Leclerc fa il pieno di consensi, riuscirà a confermarsi?

Charles Leclerc è l’uomo del momento ed è bellissimo poter vedere come sia iniziata a tutti gli effetti una nuova grandissima generazione di piloti, dopo che per troppi anni si è rimasti ancorati a pochissimi nomi, ovvero i soliti Hamilton, Vettel, Alonso e un piccolo sprazzo di Rosberg che però ha chiuso troppo presto.

La F1 si è infatti ritrovata quasi orfana di grandi talenti, una cosa alquanto rara e difficile da spiegare, ma che ora sta finalmente cercando di tornare all’antico splendore di un tempo, con almeno quattro piloti sotto i 25 anni che possono essere già considerati dei sicuri campioni per il futuro.

Max Verstappen è riuscito a dare una fine al dominio assoluto della Mercedes e di un Lewis Hamilton che probabilmente ha avuto nella scorsa stagione la sua ultima opportunità si superare Michael Schumacher, un po’ per a causa dei problemi della vettura e un po’ perché lo stile di guida è talmente diverso che non sorprendono i 9 punti in meno rispetto al giovane Russell.

Leclerc ha preso in mano la situazione, riuscendo a superare anche le critiche feroci che ha dovuto subire nella passata stagione a seguito di un settimo posto finale derivato da una pessima ultima parte di stagione che gli è costato il sorpasso in classifica sia da parte di Sainz che di Norris.

Ora però la macchina è di primo livello e permette di sognare grandi traguardi per un ragazzo dal talento innato e incredibile, dunque è il caso di mettersi comodi perché la stagione è ancora lunghissima potendo regalare dei momenti incredibili per tutto l’anno ed essendo ricchissimo di avvenimenti pazzeschi.

La Ferrari non vince dal 2007, da quando Kimi Raikkonen non fece il Grand Chelem in Australia a Melbourne, lo stesso che è stato in grado di fare Leclerc nella giornata di ieri, con il destino che ha già dunque deciso il suo nuovo campione e ora toccherà a lui farlo proprio.