Lutto nel mondo del calcio dilettantistico: aveva raggiunto il suo sogno

Lutto nel mondo del calcio dilettantistico: lo sport piange la tragica e improvvisa morte del 19enne Marco Tampwo.

Marco Tampwo (facebook)
Marco Tampwo (facebook)

Il promettente atleta è deceduto a causa di un malore improvviso e fatale, probabilmente un infarto fulminante che non gli ha lasciato scampo: è accaduto nel giorno di ferragosto. Marco, apprezzato calciatore del campionato nazionale dilettanti, si trovava nella sua casa romana di Mentana, quando ha cominciato ad avvertire i primi sintomi che lo avrebbero portato alla morte.

Lutto nel mondo del calcio dilettantistico. Italiano nato a Roma, figlio di congolesi

Di origine congolese, da poco tesserato per i colori dell’Atletico Fiuggi, Marco ha provato a recarsi in ospedale, ma è spirato durante il tragitto. Italianissimo, nato a Roma, da genitori entrambi africani, Marco coltivava il sogno del calcio ed era una grande promessa. Ora dovrà essere l’autopsia a chiarire le dinamiche del terribile improvviso decesso.

Cresciuto nella Vigor Perconti, fortissimo il legame con il padre

Dopo la positiva esperienza alla Pianese, in Toscana, Marco fa ritorno nel Lazio e viene tesserato per il Fiuggi. Nato nel giugno del 2002, Tampwo era un esterno destro veloce e tecnico. Lo accompagnavano corsa, piedi buoni, fisicità. Marco Tampwo muove i suoi primi passi nella storica realtà romana della Vigor Perconti. Poi il passaggio alla Pianese, ed ecco l’occasione del Fiuggi. Una possibilità che Marco non vivrà mai nella realtà.

LEGGI ANCHE >>> Leo Messi si è pagato lo stipendio da solo: il PSG gongola

Si susseguono in queste ore i messaggi di commozione, di dolore, di incredulità, sul profilo social del ragazzo. Un sogno infranto troppo presto, il desiderio di arrivare in alto, di rendere orgogliosi quei genitori che, come tanti immigrati romani arrivati dall’Africa, con onestà e laboriosità, si sono costruiti una vita nella Capitale, e nella Capitale hanno messo su famiglia. Particolarmente significativo il messaggio del papà. Poche parole che però toccano il cuore: “Addio Tesoro Mio”.