Lutto nel ciclismo: muore in maniera tragica giovane campionessa

Il ciclismo piange una giovane campionessa: muore a soli 35 anni dopo uno spaventoso incidente, inutili i soccorsi.

Lutto nel ciclismo (AdobeStock)
Lutto nel ciclismo (AdobeStock)

Dramma per il mondo dello sport e non solo. Un incidente sulle provinciale Corinaldese, ad Ancora, è risultato fatale per una donna di soli 35 anni. I fatti sarebbero riconducibili alle ore 17 circa, del 6 settembre 2021.

Inutile il volo della eliambulanza partita dall’ospedale di Torrette. I medici, non sono riusciti a salvare la vita alla sportiva. Nell’impatto, sono coinvolte anche due vetture, un’Alfa Romeo e una Fiat Panda. La polizia è adesso alla ricerca di testimonianze e segni che possano determinare colpe e gravità dell’incidente.

Ciclismo: la campionessa muore giovanissima

La donna che è deceduta poco dopo l’impatto, trentacinquenne, era una campionessa di ciclismo, Jennifer Fiori. Muore così, a distanza di poche ore da un’altra tragedia per lo sport: ieri è morto un ex calciatore del PSG infatti. Nonostante l’arrivo dei mezzi del 118, Jennifer non ha resistito.

All’arrivo dell’eliambulanza infatti, i tentativi di rianimazione erano già risultati vani, la donna è morta in strada. Dopo poco, sono arrivati i parenti della vittima e dalle testimonianze, si parla ovviamente di scene strazianti. La donna, viaggiava su una moto che è stata ritrovata ad una ventina di metri dal suo corpo. Con la sua moto 125, Jennifer stava viaggiando da Sassoferrato, dove viveva, a Senigallia.

Leggi anche>>> Lutto in casa Milan: dramma familiare per l’uomo che portò lo scudetto

Ovviamente, dopo l’incidente, sulla strada si sono verificati molti problemi per la viabilità, per più di un’ora il tratto è rimasto chiuso al traffico, per tentare di prestare soccorso ai presenti. Dopo molto tempo, la viabilità sarebbe ricominciata con il senso alternato, mentre per tornare a viaggiare su quel tratto in modo regolare, ci sarebbero volute almeno tre ore, il tempo necessario a soccorritori e forze dell’ordine per abbandonare la zona.