La Mercedes riparte da zero: cancellato il progetto della W13

La Mercedes in questa stagione ha dimostrato di non essere stata in grado a cambiare la vettura dopo la grande rivoluzione del 2022.

I cicli sono sempre destinati a finire prima o poi, con la Mercedes che ha dimostrato in questi anni di essere sicuramente la macchina migliore in tutto il circuito della F1, peccato che in questo momento la situazione sia davvero molto problematica, con la Scuderia di Stoccarda che ha già in mente l’annata 2023 che dovrà essere completamente diversa dopo il disastro assoluto di questo campionato.

Mercedes F1 (Ansa Foto)
Mercedes F1 (Ansa Foto)

Troppo volte si è parlato in questa stagione di una Mercedes che non poteva essere considerata all’altezza di Red Bull e Ferrari, un problema che è stato chiaro ed evidente a tutti fin dalle prime gare, con le Scuderie austriaca e italiana che erano davvero di un altro livello.

Era chiaro che il dominio della Freccia d’argento sulla F1 sarebbe terminato prima o poi, ma nessuno pensava in maniera così chiara e netta, per questo motivo in Germania sono già all’opera per provare a rialzarsi il prima possibile, con l’obbiettivo che è quello di ripartire da zero e non modificare la W13.

La Scuderia infatti non può in alcun modo fare affidamento sulla monoposto di questa stagione, considerando come non ci sia unicamente un problema legato al porpoising, ma anche a una potenza della macchina che manca completamente, una vettura che avrebbe dovuto comunque almeno competere per i grandi traguardi.

La Mercedes infatti in questo momento è salvata unicamente dal suo grande motore che le permette così di essere superiore rispetto alle Scuderie secondarie e che teoricamente è a livello delle due grandi, peccato che una macchina non sia solamente potenza e basta, per questo motivo la scelta di alzare la monoposto di 20 mm è stata davvero disastrosa.

Come ripartirà la Mercedes nel 2023?

Toto Wolff ha alzato bandiera bianca da diverse gare, mettendo in chiaro come ormai non ci sia più possibilità di vedere la Mercedes in lotta per il titolo Mondiale, con il titolo costruttori che cambierà così padrone dopo ben 8 anni di trionfi consecutivi.

Lo stesso Team Principal si è addirittura scusata in diretta mondiale con Lewis Hamilton per avergli dato quella che lui stesso ha definito una macchina di m***a, un vero e proprio attacco ai suoi ingegneri e a quell’Elliot che è stato il principale artefice delle scelte nel corso dell’estate.

Dopo Barcellona sono stati fatti alcuni miglioramenti che hanno così permesso almeno alla Mercedes di mettere quantomeno al sicuro il terzo posto in classifica costruttori, ma ormai è chiaro a tutti che oltre questo non si potrà andare e allora Wolff e compagni stanno già puntando al futuro.

Gli errori in fase di costruzione sono davvero stati tanti, uno di questi per esempio è dettato al fatto che il pilota della W13 rispetto a quello della RB18 si trovi seduto molto più in avanti assieme al motore, mentre nella parte posteriore la decisione ha portato ad avere una scatola lunga con addirittura un divisore tra i 6 cilindri e la trasmissione.

Il budget cap inoltre ha fatto il resto, con la Mercedes che ha le gambe tagliate per il futuro e che dunque non avrà possibilità di manovra nel corso dell’anno, ecco dunque che ormai è chiaro come a Stoccarda abbiano già in mente che cosa fare per il 2023.