MotoGP, tutte le novità dei piloti: ecco le loro scelte

Pochi i piloti che cambieranno team per il campionato di MotoGP 2022, ma resteranno tutti col proprio capotecnico?

Fabio Quartararo (Getty Images)
Fabio Quartararo (Getty Images)

I piloti vanno e vengono, ovviamente. Prima o poi, tutti cambiano team e forse è meglio non affezionarvici troppo. Ad esempio chi sostiene la scuderia italiana Ducati, ha visto Valentino Rossi in sella alla propria moto del cuore, solo per due anni. Eppure, c’è chi dice che con la rossa di oggi sarebbe andato molto forte.

Come in ogni sport però ci sono i contratti a tenere banco. Prima o poi scadono e il pilota cerca l’offerta migliore in giro, in questo modo si potrebbe ritrovare nel team migliore o anche in quello per cui corre già, una sorta di “motomercato”. E chi fa parte del team cambia spesso?

MotoGP: chi cambia il suo capotecnico

Diego Gubellini e Fabio Quartararo sono cresciuti insieme, passando dalla Petronas-Yamaha alla squadra ufficiale. Adesso che insieme, hanno conquistato il titolo mondiale, ovviamente il giovane francese non vorrà rinunciare all’aiuto del proprio aiutante. Mentre la seconda Yamaha ufficiale, sarà coadiuvata da Patrick Primer.

Franco Morbidelli, a cui un vero dramma ha rovinato il 2021, con il pilota italiano che trova Primer dopo essersi separato da Forcada. Dal canto suo, Ramon Forcada non esce dal giro, ma si occuperà della Yamaha M1 di Andrea Dovizioso nel team RNF. Alla Ducati, resta tutto invariato. Pecco Bagnaia torna alla carica per il campionato mondiale e lo fa ancora accanto a Cristian Gabbarini, mentre Christian Pupulin è ancora responsabile della Ducati Desmosedici del compagno di scuderia, Jack Miller.

Fabio Quartararo, ammiccamenti alla Honda: la Yamaha trema

Anche in casa Honda, KTM e Suzuki, i piloti preferiscono non cambiare l’usato sicuro. Accanto a Marc Marquez resterà saldo, Santi Hernandez. Italiana, la guida di Joan Mir che si lega ancora a Francesco Carchedi. E che ne sarà di David Munoz, ora che Valentino Rossi si è ritirato? Che come era facile prevedere, il pilota di Tavullia gli ha chiesto di passare al suo nuovo team, il VR46. Munoz, sarà il capotecnico di Luca Marini. Per finire, Matteo Flamigni, che per anni ha lavorato per Rossi come data engineer, guiderà l’equipaggio del rookie, Marco Bezzecchi nella nuova stagione in MotoGP.