MotoGP, la Ducati ha già un campione, lo deve solo scoprire: ecco chi è

Il team Ducati si è attestato in cima alla classifica costruttori anche nel 2021. L’unica nota stonata è stata Jack Miller, ma non mancano le alternative.

Ducati (GettyImages)
Ducati (GettyImages)

La Ducati è la moto da battere, lo dice la classifica e anche i recenti test a Jerez. La Rossa di Borgo Panigale sembra di un’altra categoria rispetto alla Yamaha, alla Honda e a tutte le moto della top class. Pecco Bagnaia è arrivato al secondo posto nella graduatoria mondiale, alle spalle del nuovo campione del mondo Fabio Quartararo. Se il torinese avesse avuto una maggiore regolarità nell’arco dell’intera stagione, probabilmente, avrebbe potuto vincere il campionato anche al suo primo anno nel squadra corse ufficiale.

Se Bagnaia ha rappresentato una sorpresa, dall’altro lato del box Jack Miller ha trovato delle improvvise difficoltà nel passaggio nel team ufficiale. Dopo i brillanti anni nel team Pramac l’australiano ha deluso le aspettative del team che sperava di avere una prima guida in grado battersi per il titolo mondiale. Se nel 2020, a causa della pandemia, il numero delle corse in calendario è stato minore, il giusto raffronto di punti si può fare tra il 2019 di Miller nel team Pramac e la stagione appena trascorsa in sella alla Desmosedici ufficiale. Due anni fa Jack conquistò 165 punti, arrivando cinque volte sul terzo gradino del podio. Nel 2021 il nativo di Townsville ha vinto due corse, ma ha messo al referto 181 punti.

L’australiano ha chiuso la stagione al quarto posto, con 71 punti in meno rispetto al compagno di squadra italiano. Bagnaia, invece, veniva da due stagioni in MotoGP dove aveva totalizzato un quindicesimo e un sedicesimo posto nella graduatoria mondiale. L’exploit di Pecco è stato una sorpresa per tutti, ma ora per Jack il 2022 potrebbe essere già il campionato decisivo della sua carriera.

Ducati ha in casa l’alternativa

Qualora le performance di Jack Miller sulla Desmosedici dovessero rivelarsi al di sotto delle attese anche nella prossima stagione, la Ducati sta facendo maturare nel team Pramac due piloti di assoluto affidamento. Johann Zarco sembra essere il rider più pronto per andare a coprire un ruolo chiave nello squadrone di Borgo Panigale. Nel 2021 il pilota francese ha ottenuto quattro secondi posti e ha marcato al referto 173 punti, otto in meno di Jack Miller.

LEGGI ANCHE >>> Macao, incidente terrificante in classe GT: attimi di paura (VIDEO)

Il francese è stato due volte campione del mondo nella Moto2, sebbene abbia già compiuto 31 anni potrebbe rappresentare una risorsa per la Rossa. A Zarco è mancato solo quello step finale, ovvero vincere la sua prima corsa nella classe regina. Cosa che è, invece, riuscita al compagno di box Jorge Martin al primo anno in MotoGP nel team Pramac. Il campione spagnolo di Moto3 2018, si è aggiudicato il Gran Premio di Stiria 2021. Il prossimo 29 gennaio, Martin compirà ventidue anni e anche lui rappresenterà un valore aggiunto per la Ducati nel prossimo futuro.