Poker online: pro e contro della modalità di gioco “in solitaria”

Il poker online, vista la situazione che ci siamo trovati a vivere negli ultimi mesi, è stata la scelta obbligata di tutti coloro che volevano farsi qualche mano senza rischiare multe salate o anche peggio.

poker online grinding

Giocare a poker online è una cosa completamente diversa sotto molti aspetti, rispetto alle consuete partite dal vivo. Questo per diversi motivi, legati prettamente al gioco in sè, ma anche a tutti gli altri aspetti che ruotano intorno a questo.

Vediamo quindi se e in che occasioni può essere vantaggioso giocare online, piuttosto che dal vivo. Noteremo importanti vantaggi per certi versi, ma anche alcuni rischi davvero da non sottovalutare per nulla. La cosa fondamentale da ricordare però è che, come in quasi tutte le cose, non ci sono regole ferree e rigide. La scelta se preferire una modalità di gioco rispetto ad un’altra dipende in larga parte dalle caratteristiche e peculiarità personali, dagli obiettivi che si pone riguardo il gioco e, perché no, del periodo che si sta vivendo.

LEGGI ANCHE >>> Gentiluomo, bullo, comico o campione: che tipo di giocatore sei?

Poker: i vantaggi di giocare online

I vantaggi di giocare a poker online, rispetto all’alternativa live, sono principalmente legati a fattori esterni al gioco propriamente detto. Riguardano quindi più le circostanze e il contorno: tolta l’ovvia comodità di potersene stare in mutande sul divano a mangiare e bere mentre si gioca (pratica comunque sconsigliata per le naturali distrazioni) e il risparmio di tempo e soldi dovuto agli spostamenti, i principali vantaggi che troviamo nel poker online sono:

I vantaggi del poker online: gli aspetti pratici

  • Una maggior scelta di tavoli e di case da gioco diverse. Tutto accessibile direttamente in pochi click.
  • Una vastissima scelta di tavoli cash game e tornei anche ai micro limiti. Se siamo all’inizio o vogliamo fare pratica con una variante nuova, per esempio, non troveremo mai dei tavoli con limiti $0,05/$0,10 o tornei con buy-in di $1 in situazione di gioco dal vivo. Per una mera questione di costi, un casinò o una sala da gioco non potrebbe mai rientrare dei costi dello spazio e del personale con partite del genere. Online il problema chiaramente non si pone e possiamo trovare tutti i tavoli e i tipi di partita che preferiamo, a qualsiasi livello desiderato.
  • Difficilmente ci saranno lunghe attese per sedersi a un tavolo cash game o per attendere l’inizio di un torneo o sit and go.
  • Maggiore flessibilità di orario e permanenza ai tavoli. Andare fisicamente a giocare in qualche casinò o sala da gioco, pure che ci abitiamo accanto, richiede comunque del tempo per spostarsi e certamente non aprono un tavolo nuovo ogni dieci secondi, come invece accade online. Inoltre se basta accendere il pc per farsi una partita, possiamo tranquillamente sfruttare una pausa pranzo o un ritagli di mezz’oretta per fare qualche mano. A qualsiasi ora del giorno e della notte. Se inoltre siamo collegati da fuori Italia e possiamo giocare anche sulle piattaforme .com, non esisteranno neanche cali di traffico nei più disparati orari, potendo parteciapare player da ogni fuso orario.
  • In partite cash game possiamo alzarci quando vogliamo e sedersi ad un altro tavolo con uno stake diverso, senza problemi. Cosa che dal vivo è, quando non espressamente vietata dal regolamento di sala, quanto meno poco rispettosa. Nei tavoli cash game live, inoltre, è buona abitudine avvertire prima gli avversari dell’intenzione di alzarsi dal tavolo. L’ideale sarebbe annunciarlo almeno una mezz’ora prima. Nelle partite più lunghe anche avvertire dell’ultima ora di gioco è sempre apprezzato. Se proprio non si riesce o per qualche motivo si deve anticipare la propria partenza, almeno annunciare l’ultimo giro di bottone è decisamente quasi d’obbligo. Questo problema nel poker online non esiste. Possiamo serenamente alzarci da un tavolo dopo un’abbondante vincita e sederci a un tavolo diverso con lo stake più basso, mettendo il profit accumulato direttamente in tasca.

I vantaggi del poker online: gli aspetti strategici

  • Possibilità di fare level up e level down in pochi secondi. Siamo in un momento no o abbiamo appena accusato un brutto swing negativo? Nessun problema. In pochi click possiamo spostarci da un tavolo $2/$4 a uno $0,50/$1 o addirittura più basso. Fare la stessa cosa in una situazione live, ammesso che ci sia una cosi ampia varietà di limiti ai tavoli, richiede quanto meno un’attesa che si liberi qualche posto o si apra un nuovo tavolo. E possiamo solo sperare che abbia le caratteristiche che cerchiamo.
  • Online si può giocare multi-table. Giocare multi-tavolo significa sedersi su più tavoli diversi contemporaneamente, ottimizzando al massimo il tempo che dedichiamo al gioco. Affronteremo in un discorso a parte i dettagli, perchè il discorso su questa questione è abbastanza articolato. Basti per ora sapere che giocare ad esempio su due, tre, quattro o addirittura più tavoli contemporaneamente va ad abbattere in modo significativo la varianza. Ciò significa, molto banalmente, che i nostri guadagni o perdite reali, saranno molto più vicini al valore atteso prodotto dal nostro gioco. Facendola breve: se giochiamo su un tavolo solo e di media facciamo ad esempio 15BB di profit per ogni ora di gioco, nel momento in cui subiamo una bad beat e perdiamo 50BB, abbiamo “buttato” oltre tre ore di profit. Nel caso in cui, al contrario, stiamo giocando su 4 tavoli e vinciamo di media 8BB per tavolo, per ogni ora di gioco (Chiaramente con l’aumentare del numero di tavoli da seguire in contemporanea, la qualità di gioco potrebbe risentirne. Ma qua dipende tutto dall’esperienza, ci sono giocatori che riescono a giocare in modo profittevole con 20 o 25 tavoli e altri che già con 3 o 4 vanno in crisi), la stessa bad beat che ci porta via 50BB avrà di certo un’incidenza di molto minore.
  • Presenza di bonus vari e rakeback. La stragrande maggioranza delle poker room online offre vari bonus e alcune percentuali di rakeback. I bonus in genere sono soldi extra che vengono sbloccati man mano che si fa volume di gioco. La rakeback è sostanzialmente una restituzione di una percentuale di ciò paghiamo come tassa di iscrizione a tornei o sit and go o la nostra quota di tassa che viene prelevata da ogni piatto in partite cash game. A seconda del volume di gioco che si riesce a produrre, molte poker room restituiscono percentuali anche molto importanti di questa. Tanto che molti pro player dell’online hanno un maggiore guadagno proprio dalla rakeback, piuttosto che dal profit prodotto. Anche su questo aspetto però andremo a trattare l’argomento in un secondo momento, dedicandogli lo spazio necessario.

poker online player

LEGGI ANCHE >>> Come non finire in mutande: l’importanza del Bankroll Management

I contro del poker online: gli aspetti negativi

Come abbiamo visto i vantaggi del poker online sono decisamente parecchi e molto invitanti. Come in tutte le cose però è necessario valutare anche il rovescio ella medaglia. Vediamo quindi quali sono i principali svantaggi del gioco online rispetto all’alternativa dal vivo.

  • La vita sociale. Magari per i primi tempi, nel caso in cui vogliamo prendere seriamente il gioco e dedicarci diverso tempo, anche ogni giorno, può sembrare una cosa bellissima per tutti i motivi citati sopra. Dopo un po’ di tempo però ci accorgeremo che stare sempre chiusi in casa davanti a uno schermo non è proprio la vita ideale che sognavamo.
  • Il livello medio del field di giocatori che possiamo incontrare. Soprattutto negli ultimi anni, si è potuto notare una notevole impennata del livello medio di gioco tra i giocatori che popolano le poker room online. La differenza di bravura media a parità di livello di puntate tra il poker online e il poker dal vivo è ormai diventata impressionante. Questo accade in parte perchè il giocatore occasionale, quello che gioca solo per divertimento o come hobby, generalmente trova molta più soddisfazione nel gioco dal vivo. Online invece tendono a concentrarsi tutti quei player che puntano a produrre innanzi tutto un profitto. I professionisti, salvo rare eccezioni magari in vista di eventi importanti, dove fanno incetta di fiches dai turisti di passaggio, o partite private particolarmente gustose, giocano per la maggiore su piattaforme online. Per tutti i motivi che abbiamo visto qua sopra.

Come scegliere se giocare live oppure online

Come abbiamo visto il poker online ha enormi vantaggi rispetto al giocare dal vivo. Ci sono però anche alcuni aspetti che potrebbero rivelarsi uno svantaggio per alcune persone, ma non per tutti.

La cosa più importante, come sempre, è testare sulla propria pelle. Dedicare del tempo alle diverse modalità di gioco, per fare esperienza e per capire dove ci sente più a proprio agio. Non ci sono regole generali, dipende dalle caratteristiche personali di ciascuno e soprattutto quali sono gli obiettivi che ci diamo quando decidiamo di lanciarci in una partita di poker.

Mi sento di dare in chiusura un suggerimento finale, sia che si decida di dedicarsi per la maggiore al poker online, sia che si prediliga maggiormente o in esclusiva il gioco dal vivo. Non dimentichiamoci i motivi che ci hanno spunto ad apprezzare e amare questo gioco. C’è chi è più attratto dagli aspetti matematici del gioco. Chi predilige l’allenamento nelle dinamiche psicologiche e relazionali al tavolo. Altri che amano più di tutto il brivido dei momenti cruciali di un torneo o di un piatto enorme in una partita cash game. Se andiamo a dedicarci al poker online come strada preferenziale, non dimentichiamoci che non deve essere un qualcosa che cannibalizza ogni altro aspetto della nostra vita.

Quando pochi click soltanto ci separano dal nostro gioco, si rischia talvolta di scordarsi tutto il resto. Se notiamo che non riusciamo a dedicare al poker online solo il tempo che abbiamo stabilito a priori, ma spesso e volentieri ci dilunghiamo creando problemi alla vita sociale e alle nostre relazioni, forse è giunto il momento di tornare a relegare il nostro spazio di gioco solo alla parte dal vivo per un po’. In quel modo avremo una sorta di limite imposto dall’esterno. Decisamente più semplice da gestire finchè non sviluppiamo una nostra abilità nel limitarsi.