Quartararo è il Marquez della Yamaha: l’ex MotoGP spiega perché

La Yamaha con Quartararo in una situazione simile alla Honda con Marquez: lo afferma Huewen.

Senza Fabio Quartararo la Yamaha sarebbe sicuramente in una pessima situazione. In MotoGP negli ultimi due anni è lui che sta facendo la differenza e tenendo a galla la casa di Iwata.

Fabio Quartararo
Fabio Quartararo (Ansa Foto)

Nel 2021 è riuscito a conquistare il titolo piloti, che al team mancava dal 2015. Quest’anno si è riuscito a riportare in testa alla classifica mondiale nonostante una M1 che, a suo dire, non è migliorata come aveva richiesto. Non ha nascosto il suo malcontento, ma al tempo stesso ha sempre cercato di dare il massimo per ottenere il miglior risultato possibile nei weekend di gara.

Nei primi quattro gran premi del campionato MotoGP 2022 è sempre andato a punti, salendo due volte sul podio. La prima in Indonesia in una corsa bagnata che ha concluso al secondo posto e l’altra nell’ultima disputata in Portogallo, dove ha vinto dominando. Il successo a Portimao è stato molto significativo e gli dà sicuramente fiducia per i prossimi appuntamenti, a partire da quello di questo weekend a Jerez.

MotoGP, Quartararo in Yamaha come Marquez in Honda?

Keith Hewuen in un intervento al podcast MotoGP ha speso parole di elogio per Quartararo, facendo anche un paragone con Marc Marquez: “Quartararo è il Marquez della Yamaha. Senza Fabio, la Yamaha sarebbe nel caos più profondo. Lui riesce a far funzionare il pacchetto, proprio come faceva Marc con la Honda”.

In effetti, Hewuen non ha torto. I risultati in pista degli ultimi due anni dicono che c’è un abisso tra il pilota francese e i suoi colleghi di marca. È lui che riesce a fare la differenza e a sfruttare al meglio la M1, mentre gli altri fanno una grande fatica e arrivano molto dietro. Una situazione strana se pensiamo che fino a pochi anni fa la Yamaha era la moto più facile da guidare e che più piloti riuscivano a ottenere buoni piazzamenti.

Andrea Dovizioso ha sottolineato più volte che il suo particolare stile di guida permette a Quartararo di estrarre il massimo dalla M1. Per gli altri piloti è difficile da copiare e per questo è importante che la casa di Iwata faccia dei passi avanti per rendere il prototipo più guidabile per tutti. Il forlivese ha indicato nella mancanza di grip il problema maggiore e vorrebbe un deciso intervento in tale aspetto, più ancora che nella potenza del motore.

La Yamaha ha bisogno di Quartararo e deve fare di tutto per rinnovargli il contratto. Senza di lui, ci sarebbe il rischio di non fare risultati. Tutti nel team riconoscono l’importanza del campione in carica ed è necessario che a Iwata si impegnino per convincerlo a rimanere, dandogli garanzie precise.