Il Real Madrid ha un nuovo Ronaldo: la scoperta di Ancelotti

Il Real Madrid ha probabilmente già trovato il nuovo campione del futuro: mai prolifico, come con Carlo Ancelotti.

Carlo Ancelotti (Fonte foto: Instagram Ancelotti)

Il nuovo fuoriclasse del Real Madrid, fa parte dei cosiddetti millennials. Il ragazzo, è nato a luglio del 2000, ma vanta già 122 gare con la maglia probabilmente, più prestigiosa di tutto il mondo, per quanto riguarda il football.

Ed Ancelotti, se lo coccola eccome, proprio come la società della capitale spagnola. Parliamo di Vinícius José Paixão de Oliveira Junior, conosciuto da tutti, col nome che porta dietro la schiena: Vinícius Jr. Ecco come sta diventando il nuovo CR7.

Real Madrid: un fenomeno di soli 21 anni

Se il paragone con Cristiano Ronaldo, che in bianco ci ha giocato per ben nove stagioni, pare azzardato, rileggetevi qualche statistica. Il campione ex Juve, dopo una stagione a Lisbona, esordiva in Premier League, a 18 anni. Ebbene, Vinícius, detto anche Vini, ha giocato per la prima volta al Bernabeu alla stessa età, dopo due anni da titolare con il Flamengo.

Anche se noi non lo abbiamo inserito titolare nelle probabili formazioni della gara contro l’Inter, in favore di due campioni con più esperienza, Carlo Ancelotti crede moltissimo in lui. Vini, gioca da laterale e predilige farlo a sinistra, ma spesso viene schierato anche sul fronte opposto, con lo stesso risultato. Magie e giocate persino nei Clasicos, hanno fatto innamorare da subito il pubblico di bocca buona del Real Madrid, che oggi spera in un futuro radioso, anche grazie al brasiliano.

Leggi anche>>> Champions League: pronostici e probabili formazioni di Liverpool-Milan

All’esordio in campionato della stagione in corso, il tecnico italiano lo ha fatto entrare solo nella ripresa, in luogo di Hazard. La risposta fu il primo gol stagionale dell’ala. Seconda giornata, stesso film. Esce ancora il belga per il brasiliano, che stavolta ne fa due e così alla terza, i ruoli si invertono. Hazard, è costretto ad attendere 78 minuti, prima di entrare per il brasiliano. Titolare poi, anche nella goleada con il Celta, ancora una volta, Vini è andato in gol. Il suo diciannovesimo in quattro anni di Madrid. Mai così prolifico in sole quattro gare, Ancelotti ha scoperto il suo nuovo campione.