Valentino Rossi ha battuto la Honda: la moto torna finalmente a casa

Nella conferenza stampa di addio, Valentino Rossi ha chiesto alla Honda di fargli avere la moto con cui vinse la 500 nel 2001.

Valentino Rossi (GettyImages)
Valentino Rossi (GettyImages)

La conferenza stampa organizzata a Valencia in onore di Valentino Rossi ha regalato tanti spunti d’interesse, nel pieno stile di questo straordinario personaggio. Il ritiro del “Dottore” è un qualcosa a cui difficilmente ci abitueremo, visto che dal lontano 1996 è presente nel mondo del Motomondiale, dove ha lasciato un’impronta indelebile.

Valentino Rossi (GettyImages)
Valentino Rossi (GettyImages)

Nel paddock di Valencia, proprio pochi minuti prima della conferenza, la FIM e la Dorna hanno organizzato un parco moto dove sono state esposte tutte le creature con cui il pilota di Tavullia ha vinto i suoi mondiali. Si parte dall’Aprilia di 125, passando per le Honda di 500 e MotoGP sino ad arrivare alle Yamaha.

La curiosità riguardante gli allori iridati di Valentino Rossi è che ha sempre vinto, in ogni categoria dove ha corso: in 125 debuttò nel 1996, per poi trionfare l’anno dopo. La stessa cosa è accaduta in 250, e poi in 500. Stando a quanto si è visto nelle immagini, il nove volte iridato è apparso molto legato alla Honda del 2001, quella con cui sbancò proprio in Classe 500.

Valentino Rossi, che frecciatina alla Honda

La Honda NSR 500 di quell’anno, con la storica livrea “Nastro Azzurro”, è impossibile da dimenticare. Ci ricorda le prime sfide con Max Biaggi ed il suo approdo nell’olimpo del Motomondiale, e per questo motivo, Valentino Rossi stesso è rimasto innamorato di quel modello come il primo giorno.

LEGGI ANCHE >>> Cairoli chiude la sua carriera in Motocross al GP di Mantova

A tal proposito, il “Dottore” ha dichiarato: “A casa mia ho tutte le Aprilia e le Yamaha che erano esposte oggi nel paddock, ma mi mancano le Honda. Per me sarebbe un onore poter ricevere quella del 2001 con cui ho vinto il titolo della 500. A dire il vero, c’era già stato un accordo con la casa giapponese per poterla avere a disposizione, ma la moto non è mai arrivata. Spero che la Honda riuscirà a procurarmela, prometto che la tratterò bene“.