Bufera sul Milan, ma il futuro dopo il Covid sembra essere questo

Il pubblico torna negli stadi, ma non senza polemiche: prezzi incredibili per le gare di Champions League del Milan.

Stadio Milan e Inter (AdobeStock)
Stadio Milan e Inter (AdobeStock)

Vero che l’economia dovrà riprendere anche per le società sportive, ma in questo modo si allontanano i tifosi dagli stadi. Il Milan, ha pubblicato il listino prezzi deii biglietti per le gare di Champions League. E che prezzi.

Ricordiamo che un ex Milan, recentemente ha vissuto un dramma personale. Un biglietto singolo, per anello blu o verde di curva, costa 119 euro. E chi scegliesse la modalità del mini-abbonamento per le tre gare del Girone, dovrà pagare 357 euro, qualcosa di realmente assurdo. Saranno questi i prezzi del post-Covid?

Prezzi Milan: cifre clamorose, ma come mai?

Non solo a Milano si fa polemica. Una curva di Napoli-Juventus per esempio, costa ben 50 euro. Il problema è sicuramente legato alla necessità di un rientro, delle squadre, che possono usufruire solo della metà dell’impianto, per dare posto al proprio pubblico. Da dire però che sono pur sempre scelte, ad esempio chi condivide il Meazza con i rossoneri è l’Inter, che permette ai suoi tifosi di entrare in curva in Champions League, a 48 euro.

Forse però, i prezzi dei biglietti delle gare di calcio, sono solo la punta di un iceberg, a causa del recente passato. L’economia in generale è stata fermata dalla pandemia, ed ora che le squadre possono vendere solo il 50% dei biglietti, non possono di certo dirsi soddisfatte, dalla ripresa.

Leggi anche>>> Terremoto calcio: le operazioni illecite delle società sportive

I biglietti del Milan, fanno capire che c’è tutto un sistema che non sta andando per il meglio. L’inflazione del Paese, ad esempio, è salita solo al 2,1% ad agosto, ma non possono andarci di mezzo i cittadini. Questo, perché come nel calcio, i rialzi potrebbero esserci in tutti i settori, andando sempre più a render povera la classe media. Ma se poi questa fetta di italiani inizierà a rinunciare a diversi beni e ad uscite, come al ristorante o al cinema, chi ci guadagnerà? Resta probabilmente, un cane che si morde la coda.