Valentino Rossi: i tifosi chiedono un ultimo regalo, ma lui non lo accetterà

Ancora una petizione, per Valentino Rossi: dopo la richiesta di un podio a Valencia, i tifosi vorrebbero un’altra cosa per lui.

Valentino Rossi (GettyImages)
Valentino Rossi (GettyImages)

Ancora il GP di Valencia e poi sarà davvero addio. Valentino Rossi si congederà dalla MotoGP, dopo 26 esaltanti stagioni. Lui sa già cosa farà dopo il ritiro, mentre è probabile che chi ha tifato per lui per quasi trent’anni, sia ancora indeciso sul proprio futuro da appassionato. C’è persino chi non guarderà più la MotoGP.

Alcuni tifosi poi, hanno messo in piedi delle petizioni, una delle quali è stata conosciuta alcuni giorni fa, ma che probabilmente non farà piacere a Vale. Essa infatti, consiste nel chiedere a tutti i piloti di concedergli la vittoria a Valencia, dandogli così il podio numero 200 in carriera.

A Valentino Rossi non farebbe piacere

Si sa però, che questa è un’iniziativa che non piacerebbe al Dottore, più propenso a conquistarsi le vittorie sull’asfalto. Tra l’altro, questo comprometterebbe anche la competizione tra gli altri piloti, che per accettare finirebbero per “perdersi” un podio che farebbe comodo a tutti, per le statistiche personali.

I supporters di Rossi però non si sono arresi e stanno chiedendo firme per un’altra petizione. Vorrebbero infatti dedicargli un circuito in Italia, o almeno il nome di una curva. Cosa già successa per l’amico, Marco Simoncelli, ma la storia del pilota è ben nota. Valentino invece è ancora in vita e conoscendolo, neanche questa iniziativa gli piacerà molto.

LEGGI ANCHE >>> Valentino Rossi boccia il suo erede: parole che sono già una sentenza

Lui, che ora sta pensando se accettare o meno l’offerta di un noto marchio, ha già spiegato una volta che iniziative del genere non gli piacciono moltissimo. Accadde quando una curva di Jerez, fu intitolata a Dani Pedrosa ed il quarantaduenne marchigiano disse senza mezzi termini: “Queste cose non è che mi piacciano tantissimo, perché sono più legato a nomi suggestivi per le curve. Rispetto i piloti che hanno gradito, ma per quanto mi riguarda vorrei evitare“. Di certo però, una cosa del genere, sarebbe meno complicata da realizzare, rispetto al podio in Spagna.